IL GUERCINO

Menù Principale

Organigramma

Dirigenza

DSGA

U.R.P.

Amministrazione trasparente

Documenti

Regolamento d'Istituto, regolamenti vari e disposizioni

Privacy Policy

Iscrizioni

Attività dell'Istituto 2018/19

Plessi

** Comitato Genitori **

Materiali

I blog delle nostre discipline

Scuola Primaria "Carducci" 2015-16

BOSCHETTO PROFUMATO

Sabato 4 giugno 2016 si è concluso il progetto “Boschetto Profumato” che ha coinvolto le classi seconde del plesso di scuola primaria “Carducci”. Il percorso ha previsto attività extra curriculari in cui gli alunni sono stati guidati alla scoperta delle piante aromatiche utilizzate nel nostro territorio, a riconoscerle e a ricostruire la loro storia. Sono state riviste storie e leggende per poi riprodurle a livello grafico. I bambini sono stati guidati anche al riconoscimento dei semi e delle piante, producendo un piccolo bosco all’interno dell’area cortiliva del plesso. Numerose sono state le produzioni grafiche, i cartelloni, il tutto riassunto in un libretto che oggi è stato presentato ai genitori all’interno del Vivaio Minelli di Buonacompra. Nel pomeriggio , alla presenza dei genitori, le docenti hanno diviso gli alunni in tre gruppi per realizzare tre laboratori riassuntivi del percorso svolto durante l’anno scolastico.  Si è trattato di un…profumato percorso che ha visto i bambini molto coinvolti e partecipi.   Marina, Laura e Paola.

L'ALBERO DELLA VITA

È stato realizzato dai nostri piccoli alunni di prima il bellissimo albero posto all'ingresso della scuola Carducci.

Grazie all'inventiva, alla disponibilità e alla grande passione per l'arte del legno dei Volontari del Carnevale di Cento, le classi sono state guidate alla creazione delle variopinte manine che costituiscono la chioma dell'albero.

Utilizzando esclusivamente materiali di recupero, i volontari hanno insegnato ai nostri alunni a manipolare la carta, a trasformarla in sculture con la colla di farina, a colorarla con pennelli e tempere.

Ognuno ha contribuito con la propria "mano" alla realizzazione di questo significativo progetto: un'opera unica che racchiude l'individualità di ciascuno; manine diverse che si protendono verso il cielo, scrivono il futuro mentre il tronco della pianta,  da cui traggono la linfa, affonda le radici nel passato.

 È un messaggio di ottimismo nella vita, di fiducia nelle nuove generazioni nelle cui mani affideremo il nostro presente.

Il progetto, completamente gratuito, ha consentito ai bambini di esprimersi  in modo creativo attraverso l'arte e di concorrere alla realizzazione di un'opera unica, così  come gli strumenti di un concerto creano una melodia.

E quindi doveroso ringraziare chi si è dedicato con passione a questo impegnativo lavoro ed ha messo a disposizione dei nostri alunni la propria esperienza.

Grazie Alfredo e grazie ai tuoi bravi collaboratori.

 

                                                                     Raffaella Taddia

SCUOLA PRIMARIA IN MUSICA

"CARDUCCI"

Per il secondo anno la classe 3^C del plesso Carducci ha avuto l'opportunità di cantare e conoscere meglio la musica con una cantante lirica di fama nazionale,  Francesca Pedaci. Grazie alla sua pazienza e alla sua energia, i bambini hanno imparato alcune canzoni che hanno cantato davanti ai genitori nel saggio del 1 giugno 2016.  Le canzoni sono state eseguite dai bambini  senza base musicale, con un po' di ansia e tanto entusiasmo.

"IL GUERCINO"

“ Cantiamo insieme “- La vocalità corale

 

Le classi III A e I B della scuola Primaria “Il Guercino” hanno appena concluso un appassionante progetto di musica dedicato espressamente al modo di cantare in coro e condotto da Martino Laterza, tenore titolare dell’Accademia Michelangelo di Bologna.

Dal punto di vista formativo e relazionale, il fare coro significa condividere con i propri compagni di avventura , momenti di intensa ed entusiasmante emotività che si trasforma in conoscenza , vicinanza e solidarietà.

Ogni individuo e specialmente un bambino, ha diritto di poter usufruire della “compagnia della musica” , che rappresenterà, nel corso della sua vita, un’ amica leale ed un approdo emotivo certo.

Attraverso un percorso di alfabetizzazione musicale, sono stati forniti ai nostri allievi elementi basilari di conoscenza del ritmo, della frequenza dei suoni, le dinamiche  e le intensità dei diversi timbri vocali; hanno imparato a conoscere meglio la propria voce ed a riconoscere la peculiarità dello strumento vocale posseduto da ognuno di loro, attraverso tecniche differenziate di emissione del suono.

 

Il progetto è culminato in un piccolo saggio in cui i bimbi, fieri del lavoro svolto, si sono esibiti con entusiasmo, accompagnati dal maestro Biancucci al piano e guidati dal loro insegnante Laterza.


MUSICA E TEATRO

 Sulle note di Rossini 

IL  BARBIERE  DI  SIVIGLIA

Esperienza memorabile, quella  vissuta  giovedì  21  aprile  dalle  Classi  Quarte E/F – Scuola  “Carducci” presso  l’Auditorium  Pandurera, nell’ambito  dei Progetti  Didattici   promossi dal Comune  di  Cento – Fondazione  Teatro  Borgatti,  con   la  visione   dell’opera   lirica   buffa   di   Gioachino  Rossini  IL    BARBIERE   DI    SIVIGLIA.  Scritta su libretto di Cesare Sterbini, la sua  rappresentazione d’esordio ebbe luogo nel 1816 al Teatro Argentina di Roma e si concluse tra fischi e delusione: a provocare lo scontento, secondo il gossip dell’epoca, sarebbero stati gli impresari di un teatro concorrente, il Teatro Valle, o forse alcuni seguaci di Giovanni Paisiello, che aveva già proposto una sua versione del “Barbiere” nel 1782. Il fiasco della prima fu, però, subito rimpiazzato dal successo delle repliche e l’opera del Maestro pesarese è ancora oggi una delle più rappresentate al mondo.

L’intelligente messa in scena realizzata per le nostre scuole, grazie al sapiente ed equilibrato interagire di cantanti, attori e musicisti, ha permesso ai ragazzi di conoscere e apprezzare, divertendosi, il melodramma, grande orgoglio tricolore poiché in Italia è nato e si è sviluppato: non senza motivo il termine italiano OPERA è di utilizzo internazionale e non ammette traduzione.

Così, personaggi come Figaro, Rosina, Lindoro e Don Basilio e ouverture quali “Largo al factotum” non saranno più sconosciuti “Carneade” per alunni ed alunne, ma elementi di un positivo ricordo scolastico che, ci auguriamo, abbia innestato in loro il germe della passione per la lirica.

Tutti davvero bravissimi, ma un plauso speciale va all’ irresistibile verve comica dell’ attrice Valeria  Naci, una strepitosa  Berta, praticamente corpo unico con la sua inseparabile ramazza!

 

(Monica Ravasini)

NOI E LA PARTECIPANZA DI CENTO

SCOPRIAMO  LE  ORIGINI  DEL  NOSTRO  TERRITORIO

La   Partecipanza   Agraria   di   Cento

Sapete che cos’è la Partecipanza Agraria di Cento? Quando è nata? Chi sono i Partecipanti?

La storia della Partecipanza inizia con lo sviluppo della città di Cento e conoscerla sarebbe quasi atto dovuto da parte di ogni cittadino proprio perché è grazie al duro lavoro dei Partecipanti che il nostro territorio è stato, nel corso dei secoli,  bonificato, coltivato e organizzato in modo razionale e vivibile. I terreni della Partecipanza occupano ben 1/3 del Comune di Cento e ancora oggi, ogni 20 anni, vengono distribuiti tra i discendenti delle famiglie storiche centesi, quelle  famiglie, cioè,  che sin dal 1200 li ricevettero in ENFITEUSI (sorta di affitto) dal Vescovo di Bologna.

Al fine di approfondire questo interessantissimo aspetto di storia locale, alcuni rappresentanti della Partecipanza centese, i signori Gallerani e Borgatti, sono stati ospiti delle classi Quarte E/F e Quinta F della scuola “Carducci”, lo scorso 5 maggio, ed hanno piacevolmente conversato con gli alunni mostrando loro gli stemmi dei Partecipanti, giacchè ogni famiglia aveva e tuttora ha il proprio.

Al termine dell’ educativo incontro, i ragazzi hanno ricevuto in dono il bellissimo e coloratissimo Quaderno Didattico sulla Partecipanza, ideato e progettato da Anna Zarri,  che ne spiega in modo semplice e intelligente nascita e sviluppo, oltre a una confezione di pastelli e  una pallina giocattolo.

 

(Monica Ravasini)

IL GRANDE FASCINO DELL'ANTICO EGITTO

Venerdì 22 aprile le Classi Quarte E/F della scuola “Carducci” si sono recate a Bologna, presso il Museo Civico Archeologico, per visitare la mostra-evento dell’anno 2016 EGITTO - Splendore Millenario - Capolavori da Leiden a Bologna.

Guidati da esperte del settore, attraverso l’osservazione dei notevoli reperti in esposizione, i ragazzi hanno potuto approfondire la storia di una civiltà unica e plurimillenaria, nonché  dei suoi protagonisti, ammirando capolavori provenienti dal Museo Nazionale di Antichità di Leiden, in Olanda, perfettamente integrati con la collezione permanente delle sale felsinee.

A coronamento di un’esperienza già speciale, partecipando anche al laboratorio “Non c’è mestiere buono come quello di Scriba, gli alunni hanno esperimentato il funzionamento del geroglifico, concentrandosi sulla differenza tra ideogrammi, fonogrammi e determinativi e sui principi di lettura, disposizione ed orientamento dei segni.  Quindi, come tanti piccoli Scribi, hanno riprodotto e composto alcune parole su carta simile al papiro, utilizzando anche i pigmenti colorati.

 

                 Alla fine, grandi acquisti al bookshop!                     (Monica Ravasini)

ATTIVITA' DI PASSAGGIO DALLA SCUOLA DELL'INFANZIA ALLA SCUOLA PRIMARIA

Gli alunni della classe V F della scuola primaria “Carducci” hanno accolto il 21 aprile 2016 nella propria classe gli alunni di 5 anni della scuola dell’infanzia del plesso “Pacinotti” per attività di continuità in quanto a settembre gli alunni “grandi” passeranno alla scuola secondaria e gli alunni “piccoli” alla scuola primaria.

Nel corso della mattinata i ragazzi hanno preparato una documentazione fotografica a ricordo della giornata evidenziando i seguenti moment:

-          Socializziamo per conoscerci meglio;

-          Coloriamo insieme:è più bello;

-          I ragazzi di V ballano e cantano per i piccoli ospiti;

-          Silenzio! E’ il momento della storia!

-          Eseguiamo i comandi!

-          Il bambino tutor mette a disposizione la sua esperienza;

-          ..e alla fine scambio di regali.                            Anna Rita Diozzi

ENGLISH FOREVER

ENGLISH  LESSONS  WITH  J.J.  AND  LAURA

Si sono conclusi gli incontri con gli insegnanti di madrelingua Jacob John Church, di Cambridge (England), e Laura McGowan, di Aberdeen (Scotland) organizzati per gli alunni e le alunne delle classi Quarte E/F e Quinta F delle “Carducci” dal nostro Istituto Comprensivo. I preparatissimi e simpaticissimi J.J. e Laura hanno saputo tenere alta l’attenzione dei ragazzi insegnando l’inglese solo ed esclusivamente attraverso il gioco (due ore ad incontro) e all’insegna dell’assoluto divertimento.

Un’esperienza davvero stimolante, divertente ed istruttiva!

P.S.  Un’arruffatina di pelo a Fluffy, il morbidoso gatto (finto) di Laura!

 

aprile 2016  -(Monica Ravasini)

A TUTTA FRUTTA !!

AVANTI   A   TUTTA   FRUTTA !

 

Continua con immutato successo il Progetto FRUTTA NELLE SCUOLE e quasi ogni giorno i nostri ragazzi hanno a disposizione almeno due varietà di frutta tra cui scegliere, per la merenda delle 10.20. Si tratta di  un’iniziativa promossa e sostenuta dal Ministero delle politiche agricole e forestali nell’ambito delle attività di sensibilizzazione scolastica sull’importanza della corretta alimentazione, e condivisa  dal nostro Istituto Comprensivo che, puntualmente, vi aderisce.   Monica RAVASINI

MY MONSTER FRIEND

Presentato dalla compagnia EXTRA TEATRO all’Auditorium Pandurera, il delizioso spettacolo in lingua inglese MY MONSTER FRIEND è piaciuto veramente tanto ai bambini e alle bambine delle Classi Quarte E/F -  Scuola “Carducci”, che volentieri si sono lasciati trascinare dalla comicità del racconto e dal ritmo irresistibile delle musiche, partecipando attivamente allo show con applausi sinceri e risate continue.

La storia narra di uno scienziato americano che crea un uomo per avere finalmente un amico con cui giocare e condividere sogni; capita, però, che per sbaglio detto scienziato utilizzi un cervello italiano (ordinato online) per animare la creatura e,  dall’iniziale incapacità dei due a comunicare, nasceranno situazioni esilaranti, ma pure tenere e simpatiche, che vanno a costruire un MUSICAL capace di parlare con ironia di argomenti importanti come l’amicizia, la diversità e il talento.

Così, si sono istruiti i ragazzi sia sulla lingua inglese, sia sulla impareggiabile carica emotiva che solo il teatro sa trasmettere al pubblico, coinvolgendoli completamente nel divertimento e nella riflessione sui concetti fondamentali della tolleranza e del rispetto per il valore altrui, elementi imprescindibili  alla nascita di solide amicizie.

VOTO: 10 e Lode!    

 

(Monica Ravasini)    MARZO 2016

BUGS BUNNY SUGGERISCE DI MANGIARE CAROTE!

Giovedì 25 febbraio le classi Quarte E/F e Quinta F – Scuola “Carducci” hanno partecipato al forum per un’educazione al Consumo Consapevole organizzato in occasione del CENTO CARNEVALE D’EUROPASAPORI SENZA MASCHERA.

Ragazzi ed insegnanti sono stati accolti nelle sale del Cinepark, presso il centro commerciale White Park  di via Loves, dalla simpaticissima mascotte BUGS BUNNY e dalla maschera locale TASI, che si sono generosamente concesse a servizi fotografici degni di  vere dive, ed hanno ricevuto in dono una shopper contenente i prodotti Club 4-10 Coop.

 Allegri e curiosi, hanno poi assistito allo spettacolo “Favole a merenda” che prevedeva la lettura animata, realizzata dall’attrice Annapaola  Carrino, di brani tratti da PINOCCHIO e della filastrocca ROBIN di G. Rodari, in cui vengono affrontati i problemi della fame e il tema del ricordo legato al cibo, alla cucina e alla tavola.

Silvia Martini, responsabile dei Progetti Educativi Coop, ha quindi illustrato le linee guida per una corretta alimentazione dell’infanzia puntando alla comprensione, da parte degli alunni, della Piramide Alimentare, espressione pratica e schematica della dieta perfettamente in equilibrio tra gusto e salute.

Poiché è importantissimo assumere, sin da bambini, determinate abitudini alimentari, così da mantenerle più facilmente anche da adulti, è stato positivo promuovere questo incontro per sensibilizzare i ragazzi sulla fondamentale importanza della giusta alimentazione, volta al benessere psicofisico e alla prevenzione di obesità e gravi patologie.

La mattinata è stata densa di argomenti interessanti da affrontare con attenzione, forse un po’ lunga, ma anche divertente.

 

(Monica Ravasini)

CARNEVALE!!!

UN EVENTO SPECIALE DI BUONA SCUOLA - UNA SERATA AL CINEMA SCUOLA E FAMIGLIA

EVENTO   SPECIALE  PER  LE  CLASSI  QUARTE   E/F

È stata una serata davvero particolare  quella di venerdì 29 gennaio 2016, trascorsa al cinema Don Zucchini da maestrebambine e bambini insieme ai loro fratelli o sorellegenitori  e  anche qualche nonna per vedere, tutti insieme appassionatamente, il bellissimo film d’ animazione  IL PICCOLO PRINCIPE.(Scuola Primaria "Carducci")

L’evento è stato organizzato a coronamento di un importane lavoro di analisi dettagliata sull’incantevole opera letteraria di de Saint-Exupéry, svolto nelle classi già da anno scorso e ancora in progress, finalizzatoad una comprensione approfondita di questa meravigliosa storia che continua a conquistare grandi  e piccoli e a dare straordinari spunti di riflessione sulla vita e sulla morte.

Pellicola assolutamente da non perdere, anche per la felicissima intuizione del regista Mark Osborne di non sradicare il racconto originale de Il Piccolo principe dall’eleganza e dal valore della sua dimensione cartacea, ma  di intrecciarlo, con abilità e coerenza, alla storia più attuale della ragazzina protagonista del film.

 

L’emozione è stata tanta e condivisa, si è celebrata l’indiscussa importanza dell’immaginazione, della fantasia e della  semplicità dell’essenziale, invisibile agli occhi, ma percepibile solo dal cuore.

                                                monica ravasini

DON BOSCO : BUONI SPUNTI ANCHE PER I LAICI

Un   pieno   di   energia   effetto   vitamina”  con

 SUOR  ELISA  A  SCUOLA !

 

Durante l’ora di religione, abbiamo ricevuto la visita speciale di suor Elisa che, attraverso video, quiz e due bellissimi canti, ma soprattutto con la sua inesauribile allegria, ci ha presentato la vita di DON BOSCO, un sacerdote che si è dedicato interamente  ai ragazzi, in particolare a quelli che avevano difficoltà e non riuscivano ad andare a scuola.

Con amore e determinazione, lui insegnava loro a leggere, scrivere, lavorare e, cosa più importante, ad essere felici e a stare bene insieme.

L'insegnamento di don Bosco, canonizzato da papa Pio XI nel 1934, si può riassumere con la frase “non coi pugni ma con l'amore” si ottiene il rispetto da parte degli altri.

 

I ragazzi delle Classi 4E, 4F e 5F

TIROCINANTI DELL'ISTITUTO "TADDIA" TRA DI NOI

Si è positivamente concluso lo stage che alcune giovani studentesse dell’ “Ipsia F.lli Taddia” hanno effettuato presso le classi Terza C, Quarta E e Quinta F delle “Carducci”, trascorrendo due settimane insieme ad alunne, alunni ed insegnanti per applicare sul campo quanto appreso dai libri.

Abbiamo trovato ragazze motivate, rispettose, collaborative e preparate, quindi è stato piacevole condividere con loro una parte di anno scolastico, finito in modo festoso e … goloso grazie alla squisita torta  che hanno voluto offrirci.

GRAZIE  RAGAZZE, SPERIAMO  DI  RITROVARVI  INSEGNANTI,

                                                                                     MAGARI  PROPRIO  QUI  NEL  NOSTRO  ISTITUTO!

 

(Monica Ravasini)

LA GIORNATA DELLA MEMORIA

Classi Quarte E/F  Scuola “Carducci” per la GIORNATA DELLA MEMORIA 2016

ARRIVEDERCI   RAGAZZI 

Questa mattina, 25 gennaio 2016, le classi Quarte E/F delle “Carducci” si sono recate al cinema “D. Zucchini” per la visione del film “Arrivederci ragazzi”, diretto da Louis Malle nel 1987 ( e da lui stesso scritto ispirandosi ad un ricordo di scuola),  scelto nell’ambito delle iniziative volte alla celebrazione della Giornata della Memoria 2016.

La pellicola, premiata con il Leone d’Oro alla Sessantacinquesima Mostra Internazionale dell’Arte Cinematografica di Venezia nello stesso anno d’uscita nelle sale, racconta una storia ambientata nel collegio retto dai Carmelitani scalzi di Fontainebleau, vicino Parigi, ai tempi dell’occupazione nazista, precisamente nel 1944, l’anno più difficile della seconda guerra mondiale.

Si tratta di uno spaccato di vita collegiale dell’epoca che narra le vicende di un gruppo di ragazzi, tra i quali spiccano le personalità di Julien Quentin e di Jean Bonnet, che trascorrono giorni tutto sommato tranquilli nel convento, fino a quando Joseph, giovane povero e zoppo che lavora lì come inserviente, viene licenziato dopo essere stato scoperto a rubare cibo per poi rivenderlo al mercato nero.

Joseph, senza un posto dove vivere e pervaso dalla rabbia, diventerà una spia per i nazisti e rivelerà la presenza di ragazzi ebrei nel collegio, tra questi Bonnet, ormai divenuto amico di Quentin e il cui vero cognome è Kippelstein.

Nonostante tutti i sotterfugi  inventati dai monaci, e i disperati tentativi di salvarli, Bonnet e altri due ebrei, insieme al direttore del collegio, vengono portati via per intraprendere un viaggio che si concluderà solo con la morte. Quentin lo guarda allontanarsi e nonostante il religioso  saluti dicendo «Arrivederci ragazzi, a presto!», capisce che non lo rivedrà mai più.

Alla conclusione del film, il narratore - lo stesso protagonista adulto - informa che sia i suoi compagni che il sacerdote moriranno successivamente in un campo di sterminio nazista, i ragazzi ad Auschwitz, il prete a Mauthausen.

ARRIVEDERCI  RAGAZZI è un film non cruento e privo di scene violente o dure, perciò adatto anche ai bambini che possono, guardandolo, affrontare il tema della Shoah cominciando a prenderne coscienza, ma senza restarne impressionati.

(Monica Ravasini)

 

 

POTENZIAMENTO LINGUISTICO CLASSI IV E V

LA NOSTRA SCUOLA

Dear Alex and dear students,

 

We are so excited to have started this adventure with you.

 

In this first email we would like to talk about our Christmas tradition. Soon you will receive a letter from us with more information about us, our class and our school.

 Eight days before Christmas, a special “Novena” of prayers and church services begin.

A strict fast is observed 24 hours before Christmas after which a meal with many dishes (but no meat) is served the traditional Christmas dinner, “Cenone”,  made up of spaghetti and anchovies, an assortment of fish, fresh broccoli, tossed salad, fruits and sweets. The Cenone is an excuse to stay all together enjoying a special time with relatives and close friends. The real presents for the kids are their parents, brothers and sisters, grandparents.

The “presepio” (a crib) represents in miniature the Holy Family in the stable and is the center of Christmas for families. Guests kneel before it and musicians sing before it . The presepio figures are usually hand-carved and very detailed in features and dress. The scene is often set out in the shape of a triangle.

At school we decorate the common area with a Christmas tree as well as  home...

In the pictures you can see the classes’ doors...and inside the classes. 

 We talk about Christmas in Italian language and English. Below you can find some photos and pictures of the school and activities.

Children in Italy hang up their stockings on the Feast of the Epiphany, January 6. They celebrate the visit of the Three Kings to Bethlehem. Instead of Santa Claus, children are expecting “Befana. She is a witch-like character who rides around on a broom (we will send you some photos after the Christmas break)...

and now, welcome to our class!

In this photo we want to show you our "Art time", in the next email you will find out our "product".

 Now it’s your turn. What about you and your tradition? 

 We look forward to hearing from you soon.

 Best wishes

 IV° F  of "Scuola Carducci"

LA SCUOLA INGLESE

Dear friends in Italy,

 

We are Class G [Year 5] and we attend Aughton Town Green Primary School. We are writing to tell you about our Christmas in England and looking forward to hearing about the Christmas traditions in your in Italy.

 

Firstly we want to tell you about our Christmas in Town Green .One of our best Christmas traditions in Town Green is the nativity , which is performed by the receptions , Year ones and the year twos , that is amazing . This year they performed Hey Ewe where they dressed up, sang and danced.

 

Next we want to tell you about our delicious Christmas dinner. This year we had succulent Turkey, potatoes that were cooked to perfection, broccoli [YUK!] then we also had tender British sausages and gravy covered mashed potatoes and last we had freshly grown carrots. The key stage 1 had breakfast with Santa where they hear a bell and then Santa appears.

 

Secondly, we want to tell you about our Christmas at home. When we go home for Christmas we all get a tree and decorate it with sparkling tinsel, expensive baubles and then after decorating the tree we put the sparkling star on top. Every day we open a little draw with a delicious creamy chocolate that is usually in the shape of a Christmas decoration. This is called an advent calendar.  

 

Now we want to tell you about our Christmas lunch. For our Christmas Dinner we have chicken, broccoli, Yorkshire pudding, corn, carrots and gravy. We also have Christmas crackers where you pull a funny shaped cardboard sparkly thing and then inside you find a party hat, a toy and bad jokes like what is a ghost’s favourite thing to eat on Christmas? Goulash or What is a parent’s favourite night? Silent Night [BOO!!!].

 

Thank you for your great email. Your Christmas traditions are a little different from ours but it sounds like you have a fabulous time. We really liked your classroom decorations and the big Santa Claus.

 

Finally, we want to ask you some questions like what are your traditions or what does your family eat on Christmas day? So what are your Christmas Traditions?  

 

We hope you have a wonderful festive time and we wish you a big MERRY CHRISTMAS.

 

Buon Natale e felice anno nuovo!

 

From all the children in Class G.

 

 

We hope you enjoy looking through our photographs


BODY ART!!

 

 

Ecco l'albero originalissimo creato dalla classe IV F e IV E della scuola primaria "Carducci": un albero di Natale "umano" creato dagli alunni in persona!!

 

 

 

Complimenti per l'originalissima idea!

BUON  NATALE   OH, OH, OH, OH !

 

 È  con un simpaticissimo Babbo Natale fatto di bicchierini in plastica che gli alunni, le alunne e le insegnanti delle Classi Terze delle “Carducci” augurano a tutti  Buone Feste !

(M, Ravasini)

 

                                                                               

IL  GIOCO  DEGLI  SCACCHI  

Si gioca per divertirsi, ma non solo…

 

Anche quest’anno i genitori delle Classi Quarte E/F “Carducci”  hanno voluto fare ai loro bambini e alle loro bambine il dono di fine 20015 e, in accordo con le insegnanti, hanno acquistato ben dieci bellissime scacchiere grazie alle quali si avvierà il Progetto “La torre nel castello, il re col suo cavallo” finalizzato all’insegnamento del gioco degli scacchi tra i banchi di scuola.

Si tratta di un regalo veramente apprezzato poiché quello degli scacchi, nati in India circa 1500 anni fa, è un gioco non solo divertente, ma anche tanto formativo, utile allo sviluppo delle capacità logiche e di sintesi, della memoria e dell’immaginazione.

MILLE GRAZIE MAMME E PAPÀ,

presto vi sfideremo in un confronto… all’ultima mossa!

 

(M. Ravasini) 


EDUCAZIONE STRADALE  - LA BICICLETTA

AMICA   BICI

Anche quest’anno tutte le Classi della Scuola “Carducci” hanno partecipato al Progetto AMICI DELLA STRADA, promosso da IC1 e  Comune e finalizzato all’Educazione stradale dei nostri ragazzi.

Nel corso degli incontri, ogni Classe ha affrontato argomenti precisi: le Terze hanno parlato di bicicletta, il veicolo a due ruote tanto caro ai bambini, ma spesso non gestito secondo le regole .

Seguendo le indicazioni della Rappresentante della Polizia Municipale, signora Ilse, gli alunni hanno esaminato alcuni  velocipedi parcheggiati all’interno del cortile al fine di verificare se avessero fanali, freni , catarifrangenti e luci a norma. Ebbene, dobbiamo ammettere che c’è ancora un po’ di lavoro da fare  poiché la maggior parte delle bici non presentava i requisiti richiesti dalla legge…!

 

Perciò avanti, genitori e insegnanti: per la sicurezza di tutti, sistemiamo le nostre amiche bici e facciamo del rispetto delle norme di sicurezza stradale  un principio a cui nessuno deve sottrarsi!

Monica Ravasini

COFFEE CLICK - LA SETTIMANA DIGITALE

COFFEE  CLICK ?    YES,  THANKS ! 

I bambini delle Carducci raccontano...

 

Pomeriggio all’insegna della tecnologia  oggi, 14 dicembre 2015, alla Scuola Secondaria “Guercino”, per conoscere insieme, divertendosi, la didattica digitale pensata per insegnanti e studenti.

Tutte le Classi Quarte Primaria dell’IC1 hanno partecipato con entusiasmo, assistendo alla presentazione degli elaborati realizzati dai ragazzi della secondaria, davvero molto belli e ben costruiti (c’è scappato pure l’applauso!).

A questa sorta di Open-Day informatico sono intervenuti anche alcuni genitori, condividendo così un momento di vita scolastica con i propri figli e prendendo atto, in prima persona, del tipo di attività che si svolgono nel nostro Istituto.

 

Al termine dell’evento, una gustosa merenda ha coronato il meeting che, a grande richiesta, sicuramente si replicherà. Monica Ravasini

IL NOSTRO BOSCHETTO PROFUMATO

Progetto di educazione alla sostenibilità ambientale 

Il progetto proposto alla scuola dall’associazione “ L’Altra Prospettiva a.s.d.,  ha un’impostazione


Il progetto proposto alla scuola dall'Associazione "L'Altra prospettiva a.s.d." ha un'impostazione laboratoriale e si sviluppa nel corso dell'anno scolastico laboratoriale e si sviluppa nel corso dell’anno 2015-16  da novembre a maggio nelle classi  2° E e 2° F della scuola primaria Carducci di Cento.

Gli incontri previsti sono 10 di due ore ciascuno per ogni classe.

E’ prevista la presenza di uno o due operatori dell’associazione l’Altra Prospettiva  ( Tinti Marina e Marco Gardosi) per la realizzazione del progetto.

L’associazione lavorerà in collaborazione con le insegnanti sia in fase progettuale che pratica e fornirà gratuitamente sia le piante sia gli operatori che il materiale didattico.

Il progetto si propone di:

·          Suscitare il sentimento del rispetto e amore verso la terra e il pianeta;

·          Imparare ad aver cura della terra e delle piante e riportare questo comportamento alla  cura del pianeta ( buone pratiche di sostenibilità);

·          Attraverso un contatto empatico (lavorare con le mani, annusare, osservare, ..) interagire col mondo naturale.

·          Conoscenza delle caratteristiche di piante e animali a noi vicini.

·          Conoscenza della nostra terra attraverso l’orientamento e la lettura di mappe.

Nei primi quattro incontri abbiamo affrontato il concetto di orientamento inteso sia come concetti spaziali che come direzioni (i punti cardinali rappresentati con una stella a 4 direzioni più il centro).

E’ stata proposta la lettura di una mappa culminata in una caccia al tesoro (momento di verifica sui concetti).

Alle quattro direzioni più il centro abbiamo abbinato i 5 elementi: fuoco a sud, acqua a nord, legno a est, aria a ovest e terra al centro.

Si è diffusamente parlato dei 5 elementi trovando per ciascuno una buona pratica da mettere in atto per limitare il nostro impatto sull’ambiente (impronta ecologica); inoltre i bambini hanno partecipato alle osservazioni laboratoriali sul terreno (composizione, sedimentazione, depurazione…) e sul legno (osservazione degli anelli di accrescimento, della sezione interna del tronco e della corteccia).

Abbiamo poi abbinato le direzioni e gli elementi ad una determinata pianta aromatica:

Salvia – nord – acqua

Rosmarino – sud – fuoco

Timo – est – legno

Menta – ovest – aria

Lavanda – centro – terra

E’ stata utilizzata la stella delle direzioni-elementi-pianta aromatica per effettuare la messa a dimora delle piantine (una ogni due bambini) seguendo una   procedura di corretta piantumazione:

Nel buco i bambini hanno posizionato dell’argilla espansa per il drenaggio dell’acqua;

Terreno soffice per formare un “cuscino” su cui deporre la piantina;

Come estrarre la piantina dal vaso senza danneggiarla;

Sistemazione della pianta e copertura con terriccio

Annaffiatura

Pacciamatura con paglia biologica

Creazione del calendario di classe per le periodiche annaffiature e controllo delle piantine.

Arrivederci a gennaio con le nuove attività!!!     ( Marina Tinti - 9 dicembre 2015 )



IL QUOTIDIANO IN CLASSE

LEGGERE IL GIORNALE IN CLASSE

 

Nelle Classi Quarte E/F delle “Carducci” è iniziato il progetto LEGGERE IL QUOTIDIANO A SCUOLA, finalizzato allo sviluppo dello spirito critico nei nostri alunni i quali, da subito, hanno mostrato di gradire l’idea.

I bambini leggono le notizie liberamente, ne discutono tra loro e le commentano: è un modo per cominciare ad affinare la  propria capacità di giudizio, imparare a guardare il mondo con i propri occhi e a ragionare sempre di più con la propria testa.

Anche il Senso Civico ne guadagna!

Monica Ravasini

HALLOWEEN

HALLOWEE 2015

Anche quest’anno, nelle Classi Quarte E/F delle “Carducci”, abbiamo dedicato qualche ora di lezione alle tradizioni delle culture anglosassoni e non poteva mancare un simpatico riferimento alla festa delle zucche, ossia Halloween. In compagnia delle tre famosissime streghe che potete vedere in foto, ci siamo prima travestiti e poi divertiti a costruire piccole case infestate davvero paurosissime e terrificanti.Infine, siamo usciti dalle aule muniti di palloncioni arancioni, tipo zuccone, che per qualche minuto hanno riempito di colorata allegria il cortile della scuola, strappando foto e sorrisi a tutti i genitori presenti.

( Monica  Ravasini )

CHI BEN COMINCIA...E' A META' DELL'OPERA

INIZIA  UN  NUOVO  ANNO  SCOLASTICO !

Dal 15 settembre 2015,  terminata la pausa estiva, le “Carducci” hanno ripreso ad accogliere alunni e alunne all’interno di cortile e aule per dare avvìo al nuovo anno scolastico, anno che auguriamo a tutti possa essere istruttivo e stimolante, divertente e coinvolgente!

Insomma, un altro anno da ricordare.

                Monica Ravasini