IL GUERCINO

Menù Principale

Organigramma

Dirigenza

DSGA

U.R.P.

Amministrazione trasparente

Documenti

Regolamento d'Istituto, regolamenti vari e disposizioni

Privacy

Iscrizioni

Attività dell'Istituto 2017/18

Plessi

** Comitato Genitori **

Materiali

I blog delle nostre discipline

Scuola Primaria "Carducci" 2016-17

 

Scuola Primaria "CARDUCCI" (Tempo Normale)

 

 

Via Gennari, 112 - 44042 Cento (FE)

 

  

 

Tel. 051-683.26.97 - Fax 051-683.26.97

 

 

 

 

E-mail:feic81800p@istruzione.it

 

 

SALUTI FINALI

5  giorni  sui banchi

2 giorni di week-end

9 mesi di scuola

3 mesi di vacanze

Chi è quell’asino che ha sbagliato questa divisione?  (MensHumor, Twitter)

 

Comunque sia, le tanto desiderate vacanze sono arrivate: adesso godiamocele, perché un nuovo settembre tornerà in fretta!

Messaggio Speciale alle classi Quinte E/F, già pronte per le Medie:

 superata la tappa della Primaria il viaggio continua e siamo certe/i che voi lo affronterete con intelligenza e determinazione, con la maturità e la leggerezza che occorrono, con la voglia di crescere e migliorare ogni giorno di più. Il futuro è vostro, afferratelo!

Con affetto sincero e profonda fiducia,

 

le vostre maestre e i vostri  maestri

LE  CLASSI  QUINTE  E/F  DELLE  “CARDUCCI”  IN BICICLETTA

PEDALA TU CHE PEDALO ANCH’IO!

Si è concluso con la tradizionale BICICLETTATA il sempre attuale progetto AMICI DELLA STRADA che accompagna i nostri bimbi e le nostre bimbe sin dalla scuola Materna, per consolidarsi poi alla Primaria e procedere dalle Medie alle Superiori.

Il codice stradale, si sa, è pieno di regole che vanno tenute costantemente fresche in mente ed è proficuo iniziare sin da piccoli a conoscerle, ovviamente presentate in modo adeguato all’età e comunque preciso, cosa che le bravissime vigilesse che entrano nelle classi ormai fanno con riconosciute competenza  e simpatia, anche sottoponendoci a prove pratiche.

È stato bello partire insieme scortati dalla pattuglia della Polizia Municipale e, giunti in zona Parco del Reno, cimentarsi nel percorso stabilito a gruppi di quattro ciclisti per volta, dopo aver controllato se le bici erano “in regola”, cioè provviste di tutti i dispositivi richiesti per legge, e indossato la pettorina fluorescente.   Il resto è storia!

NOTIZIONA: anche le maestre c’hanno messo “olio di ginocchio” e sono risultate idonee alle due ruote. WOW!

(Monica  Ravasini)

 

ESTRAZIONE DEL COLTAN E SFRUTTAMENTO DEI BAMBINI

Telefonino nuovo?   Pensaci bene!

 

Martedì 30 maggio 2017 noi ragazzi e ragazze delle classi Quinte E/F delle “Carducci” abbiamo trascorso qualche ora all’insegna della seria riflessione in compagnia della signora Nedda Alberghini Po (Associazione delle Case degli Angeli di Daniele) che ci ha parlato dell’estrazione del coltan dalle miniere del Congo, direttamente collegata allo sfruttamento del lavoro minorile, agli interessi delle grandi Multinazionali e al loro deprecabile  legame con guerriglieri e governi corrotti.

L’argomento non è stato facile da affrontare, ma Nedda, con la sua pazienza e la sua sensibilità, è riuscita a coinvolgerci e interessarci aiutandoci a capire, anche attraverso la visione di filmati e documenti (foto) raccolti proprio da lei e da suo marito, come in culture e realtà completamente diverse dalle nostre  sia  davvero tanto difficile proteggere l’infanzia ancora oggi, nel terzo millennio.

Abbiamo visto bambini obbligati dalle famiglie poverissime a lavorare nelle miniere di coltan per pochissimi soldi, rimettendoci la salute e rinunciando alla scuola, che per noi è spesso una scocciatura, mentre per loro un immenso desiderio.

Il coltan è un minerale che serve per costruire telefonini, computer, oltre che armi e missili. Tutte le Multinazionali del mondo ne hanno bisogno e per rifornirsene sono disposte  a infischiarsene della legalità e di questi sfortunati bambini, o di altri adulti ridotti praticamente in schiavitù pur di lavorare un po’, rischiando ogni momento la vita.  

L’estrazione del coltan, tra l’altro, incide sull’ambiente, sulla deforestazione, sull’estinzione di animali e di gruppi etnici presenti da sempre in quelle zone (nelle foto di Nedda noi abbiamo visto i Pigmei), quindi c’è da chiedersi: vale la pena consumare eccessivamente questi pur utili strumenti tecnologici, senza fermarsi un attimo a ragionare su ciò che ne consegue? La vita di quei poveri bimbi sfruttati vale la nostra voglia di essere alla moda e cambiare ogni anno il cellulare? E ai signori della guerra cosa ci sarebbe da dire?

L’argomento è difficile e assai caldo, ma con la guida di Nedda, che ci tiene molto a sensibilizzare su questi temi le giovani generazioni, abbiamo cominciato a conoscerlo e a parlarne insieme, così da iniziare a formarci un’opinione in merito, magari  dopo averne parlato anche con i  nostri genitori.

Da oggi siamo consapevoli che dietro a un telefonino che si compra con estrema facilità,  c’è quasi sicuramente una storia complicata e poco felice di bambini “utilizzati” da adulti senza scrupoli, per il loro interesse e i loro affari.

Non dobbiamo dimenticarcene!  Abbiamo il dovere, invece, di non esagerare con lo “spreco tecnologico” e di pensarci bene prima di scartare cellulari e computers.

Le alunne e gli alunni delle Quinte E/F “Carducci”

IL NOSTRO MERCATINO

 

Il 2-3-4 giugno a Cento si è svolta la manifestazione “Fiori e Bimbi” con  bancarelle di fiori e frutta e anche i gonfiabili per i bambini. Ma sabato 3  c  ' eravamo anche noi!  Le classi 4C e 4F della scuola primaria Carducci hanno accettato con gioia  l ' invito della Proloco di allestire un nostro mercatino. Sotto il portico della Piazza sabato mattina i bambini, le insegnanti e i genitori hanno steso le loro coperte e messo in vendita libri e giocattoli.

Alle 12 il mercatino è stato chiuso e i bambini si sono premiati con i gonfiabili. Il ricavato verrà utilizzato per l ' acquisto  di materiale  e per le attività didattiche.

 

 

Le insegnanti della 4C e  della 4F 

EDUCAZIONE STRADALE

Si ringrazia l'insegnante Nadia Lanzoni che da anni, con professionalità e competenza, segue il progetto.

Articolo su Estense.com

LA  SCUOLA  PRIMARIA  DI  CALDAROLA

E  LA  SCUOLA  “CARDUCCI”

AMICHE  PER  SEMPRE !

 

Se qualcuno fosse casualmente passato  nei pressi della scuola “Carducci”, domenica 7 maggio, l’avrebbe vista aperta in via straordinaria, e festante come succede solo nelle grandi occasioni. “Perché ?”, si sarebbe probabilmente chiesto e la risposta è una delle più belle: per ragioni di semplice,  grande amicizia.

Sì, perché alunni ed alunne delle classi Quarta C e  Quinte E/F  hanno voluto ritrovarsi insieme per accogliere con calore ed affetto  i loro coetanei della  Quarta - Scuola Primaria di Caldarola, comune terremotato nella provincia di Macerata, con cui da qualche tempo intrattengono una vivace corrispondenza, accomunati dall’aver vissuto, tutti, la tragica esperienza della terra che trema e del mondo che cade.

Accompagnati dalle loro insegnanti, dalla Preside, dalla vicesindaco, da genitori, fratelli e sorelle, i giovanissimi ospiti si sono simpaticamente affidati ai loro “tutors locali” e hanno visitato le nostre aule,  laboratori e refettori sino ad incontrarsi, poi, nell’ampio salone per l’immancabile partita a pallone e altri giochi vari.

Dopo la merenda, l’ufficiale scambio di doni: bellissimi  testi, poesie e libri che custodiremo come un prezioso tesoro.

Purtroppo non abbiamo potuto contare sul bel tempo, ma  pur se suggellato dalla pioggia, il legame affettuoso che si è creato lascia presagire tante altre iniziative, viaggi compresi, che certamente si realizzeranno in futuro.

 

(Monica Ravasini)

Articolo su Area Centese.com

LA RICOSTRUZIONE DI CALDAROLA PASSA ATTRAVERSO L’AMICIZIA CON CENTO: GLI ALUNNI DELLA PRIMARIA DEL MACERATESE IN VISITA A XII MORELLI PER CONSOLIDARE IL GEMELLAGGIO

 

Articolo su Estense.com

LA RICOSTRUZIONE DI CALDAROLA PASSA ATTRAVERSO L'AMICIZIA CON CENTO

 

GARDEN ADVENTURE

Uno spruzzo di vita selvatica nel nostro giardino

 

Questo progetto rivolto alle classi terze della scuola primaria Carducci in orario extrascolastico, è stato realizzato con la collaborazione dell’associazione L’ALTRA PROSPETTIVA A.S.D. ed è la prosecuzione del progetto “Boschetto profumato” svolto nell’anno scolastico 2015-16.

Ha visto la presenza dell’ operatore dell’associazione

 “L’ALTRA PROSPETTIVA A.S.D.” Marco Gardosi che ha collaborato con le insegnanti in qualità di esperto, a titolo gratuito.

Le inseganti coinvolte sono Marina Tinti, Laura Frassinelli ed Paola Alberghini.

 

Le finalità del progetto

L’ecosistema giardino è una zona di scambio tra un ambiente fortemente antropizzato e l’ambiente selvatico: l’obiettivo è quello di favorire il più possibile l’armonia e l’equilibrio nel giardino, cercando di attirare quegli elementi di selvaticità e naturalità che lo arricchiscono sia da un punto di vista della biodiversità (aiuto reciproco, sinergia) che della bellezza (estetico).

 

Le attività

·        Consegna e compilazione collettiva di un questionario sulle caratteristiche del giardino della scuola;

·        dopo discussione nel gruppo compiliamo le caratteristiche utili a favorire l’avvicinamento di piccoli animali al nostro giardino.

·        Piantumazione, per sostituzione, delle piantine aromatiche seccatesi nei mesi precedenti.

·        Una casa per tutti: Nidi per insetti

Perché i nidi artificiali per gli insetti? Per implementare la biodiversità fornendo un’occasione di riparo.

Costruzione di nidi artificiali per: coccinelle e altri coleotteri, bombici (bombi), forficole (forbicine)

·        Una casa per tutti: nidi per uccelli

Presentazione di alcuni nidi naturali (nido di merlo, di cincia, foto di altri nidi).

Il perché dei nidi artificiali e varie tipologie di nido (nido per cince in legno e in cemento, nidi per passeracei di medie dimensioni, nidi per rapaci notturni).

Costruzione di due nidi artificiali: nido in legno a cassetta chiusa per cince.

 

·        Ristorante per uccelli: mangiatoie e menù

Chi mangia che cosa?!? Attenti a becco e zampe!!! Conoscenza delle principali caratteristiche legate all’alimentazione di alcune specie dell’avifauna locale;

Apriamo il ristorante: costruzione di una mangiatoia.

Perché le mangiatoie?  Modificazione dell’ambiente.

·        Costruzione di un cartellone esplicativo  per ogni attività svolta, da collocare nel giardino della scuola .

Introduzione di alcuni vocaboli inglesi sull’argomento.

·        Approfondimento tematico sulle specie animali trattate con compilazione di apposita scheda tecnica: coccinelle e altri coleotteri, bombici, riccio, cince, storni,fringuelli, merlo.

 

I genitori e la dirigente  sono stati invitati a partecipare il giorno 29-3-17  nel giardino della scuola alla caccia al tesoro e al collocamento dei nidi artificiali, dei rifugi per insetti e della mangiatoia costruiti dai bambini.

Il tutto si è svolto in un clima di grande coinvolgimento generale!

 

Il girono 8-4-17 i bambini e i genitori delle due classi terze e la dirigente sono stati invitati da L’Altra Prospettiva a.s.d. al “Giardino Botanico di Torrespada” per l’installazione di 8 nidi artificiali  per diverse specie di uccelli; inoltre si è svolto un divertente percorso di orienteering che ha permesso ai bambini e alle loro famiglie di conoscere ogni angolo del giardino.

 

Tutti i partecipanti hanno espresso interesse ed entusiasmo sulle tematiche ambientali trattate.

 

 

Marina Tinti

OPIFICIO GOLINELLI – CITTADELLA PER LA CONOSCENZA E LA CULTURA

Giovedì 20 aprile le classi Quinte E/F delle “Carducci” sono partite di buon mattino per giungere in quel di Bologna, precisamente alla Fondazione Golinelli di via Nanni Costa, e partecipare a laboratori di programmazione e robotica per non solo divertirsi, ma anche imparare stimolando la propria creatività.

Nata a Bologna nel 2015 per volontà dell’imprenditore e filantropo Marino Golinelli, la Fondazione propone attività di educazione, formazione, ricerca, divulgazione, promozione delle scienze e delle arti al fine di promuovere cultura e conoscenza tra bambini, ragazzi e adulti in tutti i nuovi campi del sapere.

Nello spazio ludico denominato SCUOLA DELLE IDEE  alunne ed alunni hanno potuto cimentarsi in operazioni di programmazione a computer e robotica tramite un approccio di apprendimento assolutamente sperimentale, basato sull’esperienza concreta attraverso la quale  “si impara a fare” e difficilmente si dimentica.

In un ambiente davvero accogliente e accompagnati nel percorso da operatori competenti, cordiali e convinti che educare i giovani sia la chiave unica per costruire una società migliore, la mattina è trascorsa in un batter di ciglia lasciando nei ragazzi un ricordo piacevole e la voglia di rivisitare l’Opificio insieme alla propria famiglia.

 

(Monica Ravasini)

POTENZIAMENTO LINGUA INGLESE

Per il terzo anno consecutivo, successo dei nostri studenti alle gare nazionali di Kangourou della Lingua Inglese. Questi gli alunni che accederanno alle semifinali delle sezioni Joey, per la quinta elementare, e Wallaby, per la terza media, che si svolgeranno presso il Cambridge Centre di Modena il 3 e 4 Aprile: BAVARONE MARTA, classificatasi al posto 73 della gradutaoria nazionale su 2468 partecipanti per la sezione Joey; DHROSO EGI, CONTRI LUCIA, BUSATTI ALESSIA e FULCO GABRIELE. Per la sezione Wallaby si sono classificati gli alunni delle claSsi terze della scuola secondaria: MORISI LORENZO, al posto 211 su 9320 partecipanti. PAPI TOMMASO, MARCHETTI MICHELE, CAMPAGNOLI ELISA, DANGELLIU ALESIA e PARENTI CLAUDIA. Congratulazioni a tutti per l’impegno e per gli ottimi risultati ottenuti. WELL DONE!

WE LOVE ENGLISH!

 

I nostri alunni meglio classificati nelle sezioni Joey e Wallaby hanno partecipato alle semifinali di Kangourou della Lingua Inglese che si sono svolte a Modena il 3 e 4 Aprile 2017, presso il Cambridge Centre. Per il terzo anno consecutivo, i nostri ragazzi si sono messi alla prova ed hanno ricevuto grande soddisfazione per l’impegno e per gli ottimi risultati ottenuti.

WELL DONE!

 

Susanna Fogli

SUCCESSO     BIS     DELLA    LIRICA     PER     LA     SCUOLA  - L’ ELISIR  D ’AMORE

 

Speciale mercoledì in musica, quello di oggi 29 marzo, per le classi Quinte E/F – “Carducci” che si sono recate in Pandurera pronte a gustarsi l’opera L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti, presentata da Assiemi e Fantateatro nell’ambito dei Progetti Didattici promossi da Comune di Cento  e  Fondazione Teatro Borgatti.

Si tratta di un melodramma giocoso in due atti che racconta la storia del timido Nemorino il quale, per conquistare la capricciosa Adina, si affida all’elisir vendutogli dal furbacchione Dulcamara, “quel gran medico, dottore enciclopedico”.

Giocata sull’equivoco, la vicenda si conclude felicemente per i due innamorati che convoleranno a giuste nozze, alla faccia dello spaccone Belcore crucciato, comunque, non più di tanto.

Ancora una volta acuto e d’effetto l’allestimento, sempre grazie al perfetto mix tra recitazione, canto e musica, ricetta straordinariamente efficace per accattivare un pubblico di giovanissimi.

Bravissimi, inoltre, sia i cantanti che gli attori e virtuosi i musicisti dell’orchestra SENZASPINE, diretti da Matteo Parmeggiani:  grazie a loro la dolcissima romanza Una furtiva lagrima”  e la cavatina Udite, udite o rustici”  fanno ormai parte del sapere musicale dei nostri studenti e delle nostre studentesse.

Cosa si preparerà per l’anno prossimo?   Siamo già curiosissimi…

 

 

(Monica  Ravasini)

21 Marzo 2017 – XXII Giornata della Memoria e dell’Impegno

in ricordo delle Vittime Innocenti delle mafie

 

Tante sono state le iniziative organizzate in questa importante giornata dedicata  alla legalità e anche le alunne e gli alunni dell’IC1 eletti nel CCRR vi hanno partecipato, giocando alla Tombola della Memoria e dell’Impegno realizzata sulla pavimentazione di Piazza 21 Marzo a Penzale.

Si è ovviamente trattato di una tombola speciale nella quale, ad ogni combinazione vincente, erano abbinate una lettura o una testimonianza, e testimonianza davvero particolare è stata quella portata agli studenti da Annarita Rechichi, figlia di Giuseppe, vicepreside dell’Istituto Magistrale di Polistena, ucciso dalla ‘ndrangheta nel 1987.

All’incontro, promosso da Comune di Cento, Presidio Libera del Centopievese, CCRR, Libera Radio e Centro per le famiglie dell’Alto Ferrarese, era presente anche il giornalista Federico Lacche di radio Città del Capo.

In tutte le scuole del territorio, inoltre,  grazie alla collaborazione tra Comune di Cento e Gemos, è stato offerto IL Pranzo della Legalitàcucinato con i prodotti di Libera Terra, marchio delle cooperative sociali che lavorano sui terreni confiscati alle mafie.

 

(Monica Ravasini)

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

IL  BIOPARCO   IN  CLASSE

 

Noi alunne ed alunni di Quinta E – Carducci, insieme ai ragazzi del Liceo Cevolani – Scienze Umane, nostri graditi ospiti per l’alternanza scuola/lavoro, ci siamo cimentati nella semina di alcune piante che attirano farfalle e coccinelle con l’intento di creare un piccolo habitat naturale e imparare le dinamiche che stanno alla base dei cicli biologici che legano piante e insetti.

Ora non ci resta che avere pazienzainnaffiare e aspettare che spuntino i primi germogli!

Grazie  a  Simone,  Angelo  e  Giacomo,  provetti giardinieri/studenti, che ci hanno simpaticamente aiutato nei lavori!

 

(Monica  Ravasini)

TEATRO IN INGLESE

AMERICAGHOST

Oggi 7 marzo 2017 le classi Quarte e  Quinte delle “Carducci” si sono recate in Pandurera per la visiome dello spettacolo in L2 “American ghost”, presentato da ExtraTeatro su testo e regia di Arianna De Giorgi.

Bravissimi Jason Goodman e Andrea Trovato, rispettivamente il fantasma e Arturo Parti, protagonisti della storia narrante le vicende di un ragazzo italiano trasferito  in America, che si ritrova a vivere in una casa infestata dallo spirito di un musicista.

L’annoso inquilino è assai infastidito dal nuovo, e prova ogni trucco per farlo scappare, ma nulla funziona: Arturo, soprannominato Arty Party, non ha paura dei ragni, ancor meno dei fantasmi!

Inutile dire che, alla fine, i due diverranno amicissimi e, addirittura, l’ectoplasma d’oltreoceano convincerà Arty a “sopportare” l’amabilmente odiato brother Cicci mentre Arty  aiuterà  l’estinto a risolvere il mistero nascosto dietro la storia della sua vita.

Belle e coinvolgenti le musiche e  le canzoni, tutte di Jason Goodman.

 

(Monica Ravasini)

PORTE APERTE AL POLO SCIENTIFICO

ECCO  I  VINCITORI !

Sabato 18 febbraio, presso il Polo Chimico Biomedico di Ferrara, ha avuto luogo la Cerimonia di Premiazione degli alunni vincitori del  concorso “Porte Aperte al Polo Scientifico”. Ragazzi e genitori, accolti da Martina Buiat di Fisici Senza Frontiere, dal Comitato “Porte Aperte” e dagli sponsor Roberto Zambelli della “Terra dell’Orso” e Cinzia Capisani di “Crayola”, hanno ricevuto diploma e premio all’interno dell’aula universitaria e hanno potuto ammirare  i disegni dei giovani artisti, esposti nelle bacheche proprio come in una vera Mostra di talenti emergenti!

La scuola “Carducci” ha avuto grande soddisfazione poiché ben sei tra ragazze e ragazzi sono stati premiati: Marta Bavarone, Sophie Rorato e Giorgia Taddia per la classe Quinta E, Aurora Ghezzi, Anna Maria Panico e Luca Zucchelli per la classe Quinta F.

Un risultato davvero entusiasmante !

Al termine dell’incontro, tutti i presenti  si sono scambiati saluti e complimenti tra luci, ombre  e proiezioni colorate.

Presto sul sito di “Porte Aperte” saranno caricati tutti i disegni che hanno partecipato al concorso.

 

( Monica Ravasini )

POTENZIAMENTO LINGUA INGLESE

GARA NAZIONALE KANGOUROU DELLA LINGUA INGLESE

 

Il 14 Febbraio si è svolta la gara nazionale di Kangourou della Lingua Inglese. Gli studenti del nostro Istituto hanno partecipato anche quest’anno in due diverse categorie: JOEY per gli alunni delle classi quinte della scuola primaria e WALLABY per gli alunni delle classi terze della scuola secondaria. Le prove di Listening e Reading sono preparate, per Kangourou Italia, da docenti dalla prestigiosa University of Cambridge, uno dei più noti enti certificatori della conoscenza della lingua inglese. Gli studenti meglio classificati potranno accedere alle semifinali regionali che si terranno in uno dei centri AISLi che collaborano  all’iniziativa. Il nostro Istituto ha organizzato un corso di potenziamento pomeridiano, in preparazione alla gara, che gli alunni hanno frequentato con impegno ed entusiasmo. Per questo ci congratuliamo con tutti loro e auguriamo GOOD LUCK per una buona riuscita nelle prove.

RITMO    DANZA   SPORT   A   SCUOLA

Questa mattina tutte le classi del plesso “Carducci” si sono ritrovate in palestra per l’esibizione finale relativa allo stage di ballo realizzato durante le ore curriculari di Educazione Motoria, tenuto dalle insegnanti Giulia Benati e Sara Ecchia e promosso dalla Società Sportiva Dilettantistica Ritmo Danza.

Nel rispetto degli imperativi AGGREGARSI, MUOVERSI, DIVERTIRSI e al fine di sviluppare nei nostri ragazzi la cultura di stili di vita corretti sin da piccoli, questa nuova sperimentazione del ballo a scuola ha anche lo scopo di cercare di far riscoprire l’intelligenza cinestetica, visivo-spaziale e musicale ad una generazione di nativi digitali completamente assorbiti da videogiochi e telefonini, quindi tendenzialmente un po’ troppo statici e spesso sordi ai richiami di esperienze più dirette.

Alunne ed alunni hanno ballato emozionati, una giuria tecnica ha assegnato un punteggio ad ogni gruppo e tutti hanno ricevuto l’attestato di partecipazione, un premio speciale per essersi impegnati nelle attività con tanta energia e determinazione.

Naturalmente,  foto  e  applausi  a  go  go 

( Monica Ravasini )                                                    febbraio 2017

LA PROTEZIONE CIVILE VA A SCUOLA

STUDENTI  E  PROTEZIONE  CIVILE   

Giovedì 2 febbraio alcuni rappresentanti della Protezione Civile di Cento sono entrati nelle classi Quarte e Quinte del plesso “Carducci” e, con le loro tute giallofluo e i loro cappelli alpinopiumati, hanno intrattenuto i nostri ragazzi parlando di SICUREZZA, PREVENZIONE e SOCCORSI.

Insieme alla mascotte CIVILINO sono state riprese e spiegate in modo approfondito le regole  da seguire in caso di terremoto: alunne ed alunni hanno ascoltato con assoluta attenzione, imparando anche come si distinguono i muri maestri dai tramezzi.

Mattinata particolarmente interessante, dunque, per la quale ringraziamo Carlo Lodi e il suo simpatico gruppo di volontari.

 

 

( Monica Ravasini )

Articolo di Taccuino Centese del 03/02/2017

SABATO 21 GENNAIO 2017 - SCUOLE APERTE - "CARDUCCI"

PORTE   APERTE   ALLE    “CARDUCCI”

 

Sabato speciale quello di oggi alle “Carducci”, durante il quale mamme, papà bambine e bambini hanno varcato la soglia dello storico edificio di via Gennari  per  visitare aule e palestra, partecipare a piccoli laboratori, conoscere insegnanti e scambiarsi pareri sulle scelte educative da compiere.

Grazie all’accoglienza di alunne e alunni che già frequentano la scuola e che si sono impegnati volentieri anche nella giornata di riposo, i piccoli visitatori sono stati guidati all’utilizzo dei computer e della LIM, hanno costruito braccialetti e interrato piccole piantine da portare a casa, con la promessa, però, di averne cura nel tempo.

Grande il successo del laboratorio di robotica (l’ape telecomandata) e di quello espressivo (propedeutico al  fare teatro a scuola)!

La mattina è trascorsa in totale allegria, tra bimbi sorridenti e curiosi e adulti interessati a conoscere e valutare con attenzione l’offerta formativa proposta dal nostro Istituto.

 

 

( Monica  Ravasini )

INCONTRO CON IL RILEGATORE FRANCO

 

 

Giovedì 19 Gennaio 2017 la scuola primaria Carducci  ha ospitato il rilegatore Franco Antolini che ha spiegato il suo lavoro, la storia del libro e dei materiali che l’uomo ha usato per tramandare la storia. Il nostro ospite ha raccontato  la sua passione per i testi antichi: attraverso alcune slide, ci ha presentato  la  sua bottega di Ferrara e la sua attività fra librerie e fiere. Ci ha presentato una pergamena di capra, una pergamena trattata con la calce,  libri provenienti da diversi paesi  con rilegatura particolari, tra cui alcuni fogli antichi con le filigrane che le cartiere imprimevano come marchio di fabbrica.

 

 

Classi 4E 4F 4C 

ARTICOLO DI AREA CENTESE SULLA RASSEGNA DEI PRESEPI

Rassegna dei presepi  all'Istituto Comprensivo "Il Guercino":  Articolo di Area Centese del 4 gennaio 2017

IL NOSTRO PRESEPE

Un  PRESEPE  che più ecologico non si può!

 

Quest’anno l’atrio della scuola “Carducci” è particolarmente festoso ed accogliente  poiché ospita il meraviglioso presepe realizzato, esclusivamente con materiale di riciclo, dalle bambine, dai bambini e dalle insegnanti delle Classi Quarte in collaborazione con la signora Anna Maria Puppi, mamma di un’alunna.

Lavorando a classi aperte e divisi in piccoli gruppi, i ragazzi hanno dato via libera alla loro creativitàriuscendo ad ottenere un prodotto davvero ammirevole: un presepe classico nel design, ma modernissimo nei materiali utilizzati per costruirlo, rigorosamente di scarto (plastica, carta e cartone, avanzi di stoffa, lana, sughero) e riciclati con abilità e tanta  fantasia, così bene da attuare una nativity scene che suscita l’approvazione di ogni persona che la vede.

Ed è con le immagini di questo bellissimo obiettivo raggiunto nel corso di uno speciale “Laboratorio del fare”, che tutti noi delle “Carducci” auguriamo di cuore a tutti voi che ci seguite Buon Natale!

 

 

(Monica  Ravasini)

CHRISTMAS JUMPER DAY

CHRISTMAS   JUMPER    DAY

Venerdì 16 dicembre le alunne e gli alunni delle Classi Quinte E/F- Carducci hanno indossato strepitosi maglioni natalizi, decorati da loro, per aderire all’iniziativa promossa da SAVE THE CHILDREN, la più grande associazione indipendente dedicata, dal 1919, alla difesa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Durante le lezioni di musica, poi, i ragazzi, guidati dal maestro Luca, hanno imparato la canzone di Bill Withers “Lean on me”, testo scelto per il messaggio di fratellanza e amicizia che trasmette (adattato nelle parole italiane dagli insegnanti di inglese) e anche perché alcune sue parti richiamano  atmosfere gospel che  si addicono perfettamente al periodo natalizio.

Il risultato di tanto lavoro (a casa e a scuola) potete vederlo voi stessi nel filmato: maglioni originalissimi e strani, canzone significativa e ben interpretata, con emozione ed entusiasmo.

In questo modo il Progetto proposto da Save The Children è stato attuato a tutto tondo e con grande soddisfazione e partecipazione da parte dei nostri bravissimi allievi.

 

 

(Monica  Ravasini)

A   TUTTO  JU   JITSU !

Altro stage, altra esperienza coinvolgente e significativa alla scuola “Carducci” con il Progetto di Ju Jitsu e difesa personale tenuto dal Maestro Nicola Fregni, cintura nera 4° dan,  dell’Associazione Sportiva Ju Jitsu Cento.

Alunni ed alunne si sono cimentati con successo in questa affascinante arte marziale giapponese che basa i suoi principi sul detto originale nipponico “Il morbido vince il duro”  e desiderano ringraziare “come si deve” il Maestro Nicola:

SENSEI    NI    REI

                                    OTAGAI    NI    REI

 

(Monica  Ravasini)

GIOCHIAMO A SCACCHI

Si è concluso sabato 26 novembre il corso di avviamento al gioco degli scacchi dedicato agli alunni delle classi quarte e quinte dei plessi di scuola primaria del nostro istituto. Grande è stata la partecipazione, volontaria, dei nostri ragazzi, motivati dalla passione del “direttore” del corso, Cataldo Ruppi, genitore membro del Consiglio Istituto. Con maestria, Cataldo ha introdotto ai bambini il gioco degli scacchi, raccontandone la storia e illustrandone le regole fondamentali. Subito i ragazzi hanno risposto e hanno frequentato le lezioni di sabato con costanza e interesse per concludere con un torneo in cui sono stati premiati 7 bambini. Da tempo il gioco degli scacchi è considerato un valido aiuto per acquisire importanti competenze. Nel 2012, il Parlamento Europeo ha esortato le nazioni europee ad inserire gli Scacchi tra le materie curricolari in quanto questo gioco migliora la capacità di riflessione, memoria ed attenzione, ed è collegato a situazione di “problem solving” e aiuta alla formazione etico sociale impegnando nel rispetto delle regole.

 

Gli incontri si sono tenuti nell’aula multimediale allestita con arredi ottenuti grazie ai fondi Pon ai cui bandi la nostra scuola ha partecipato. Il progetto scacchi è un bel esempio di tecnologia e tradizione per non dimenticare l’importanza di utilizzare tutto quanto sia a disposizione degli alunni per un percorso integrato. Alla fine del torneo, ad ognuno dei 60  partecipanti, è stato consegnato dal signor Ruppi un attestato di partecipazione in ricordo dell’esperienza che speriamo di ripetere. Un sentito ringraziamento al signor Ruppi che ci ha offerto questa grande opportunità e al suo assistente Michele Ferlito, papà accompagnatore promosso subito di grado.   Grazie anche ai docenti presenti per sorveglianza.                                            Anna Tassinari

L'INVASIONE DEGLI SCARAFAGGI

L’INVASIONE DEGLI SCARAFAGGI: LA MAFIA SPIEGATA AI BAMBINI

 

 

Le classi della scuola primaria “Il Guercino” e “Carducci” hanno assistito allo spettacolo di burattini di Area Teatro proposto dal Comune di Cento e Libera,  “L’invasione degli scarafaggi”, tratto dal libro, letto in alcune classi, di Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso. In una ridente cittadina, improvvisamente, si diffonde un virus che trasforma le persone in scarafaggi. Partendo da questa storia, raccontata con i burattini, viene affrontato il tema della mafia: la lotta contro gli scarafaggi è la lotta contro la mafia che l’individuo può decidere di subire o combattere. Sarà la maestra Caterina, a scuola, a comprendere e insegnare come sconfiggere gli scarafaggi perché, come dice Gesualdo Bufalino, “per sconfiggere la mafia è necessario un esercito di maestri elementari”. Uno spettacolo divertente ma educativo ha catturato l’attenzione di un pubblico partecipe e interessato.

AL POLO TECNOLOGICO

 UNA MATTINATA SCOLASTICA PARTICOLARE

 

 Mercoledì 9 novembre siamo saliti in aula come ogni mattina ma molto più emozionati del solito  perchè dovevamo andare in un laboratorio di tecnologia per un'attività

Ci siamo preparati con il cartellino di riconoscimento al collo e lo zainetto con la merenda,

dopo siamo scesi accompagnati dalle maestre e ci siamo incamminati verso piazza “Guercino”.

Vicino alla piazza siamo entrati in un grande portone dove si trova il laboratorio di tecnologia.

Due simpatici studenti ci hanno accolti.

 

Emiliano e Sara, i due studenti, ci hanno consegnato una piccola lampadina led e una “pila” tonda e piatta, come una piccola monetina poi con questi strumenti e qualche disegno alla lavagna ci hanno spiegato in modo semplice cos'è e come funziona un circuito elettrico.

Che emozione quando con uno strumento speciale abbiamo misurato l'elettricità che è anche dentro i nostri corpi e ci siamo dati la mano per creare noi stessi un circuito!!

In seguito i due studenti ci hanno detto che dovevamo costruire un “automa”  con il materiale che abbiamo portato da  casa: scatole, cannucce, bastoncini, vasetti di plastica, vecchi CD, tutto materiale che avremmo buttato nel pattume. Ci hanno dato un piccolo “motore”, cioè un circuito elettrico che funziona con una pila, per far muovere il nostro automa.

Come riuscirci?  Sembrava facile ma abbiamo dovuto impegnarci molto per riuscire a sistemare il motore in modo che l'automa si muovesse!!!

 

Abbiamo lavorato, sbagliato, sperimentato ..ma alla fine ci siamo riusciti!!!

 Siamo stati contenti nel vedere i nostri automi muoversi.

Purtroppo abbiamo dovuto lasciare agli studenti i piccoli motori perchè dovranno usarli con altre scolaresche.

 

Infine siamo ritornati a scuola soddisfatti........ CLASSE III E

L'ARCHIVIO STORICO DI CENTO

Chi l ' avrebbe detto che nell ' Archivio storico di Cento ci fosse materiale così interessante?

 Ci sono i libri in pergamena, libri con la copertina di pergamena o di legno ricoperto di cuoio, libri con le pagine di carta fatta con gli stracci. Abbiamo visto libri scritti a mano con decorazioni in oro zecchino: le miniature. Maria Teresa, la bibliotecaria,  ci ha mostrato un libro composto da fogli di diverse dimensioni in cui un barbiere nel 1800 ha raccolto storie belle e brutte raccontate dai clienti: le piene del Reno, alcuni incidenti e la storia  drammatica del brigadiere  e della bella Rosa,  morti suicidi nelle prigioni della Rocca. Questa storia d ' amore è stata così bella che anche lo scrittore inglese Stendhal l ' ha raccontata in un suo libro.

Maria Teresa ci ha raccontato tanti episodi della vita e della storia centese e ha saputo tenere viva i ' attenzione.È stata proprio una visita interessante! 

Gli alunni della Classe 4C “Carducci”

 

 

ENGLISH LESSON : LE NOSTRE RADICI

“GLOUCESTER   TOUR”   WITH  LAURA

 

Oggi giovedì 10 novembre, nelle classi Quinte E/F – Carducci, le lezioni di inglese sono state particolarmente interessanti grazie ad una ospite speciale, Mrs. Laura Ventimiglia, che ha intrattenuto alunni e docenti descrivendo bellezze e caratteristiche di Gloucester, città del Massachusetts molto importante negli USA per via dell’industria del pesce e della pesca del branzino striato (striped bass), nella quale lei attualmente vive.

In Italia per la presentazione del suo libro A letter to my children, storia di una famiglia vissuta tra Renazzo, XII Morelli, Sicilia e Stati Uniti, Laura si è gentilmente prestata a trascorrere un po’ di tempo con noi per raccontarci tantissime  cose  di  Gloucester e delle sue tradizioni, tra cui la folcloristica St. Peter’s Fiesta, significativa ricorrenza dedicata ai pescatori (fishermen) che riconoscono in San Pietro il loro indiscusso protettore.

Al termine dell’incontro Laura ha voluto offrire caramelle ad alunne e alunni, mentre noi docenti abbiamo avuto il piacere di donarle una targa ricordo a nome del nostro Istituto Comprensivo, pensiero che ha sinceramente gradito.

 

(Monica  Ravasini)

 

 

 

WE ARE THE WINNER!!

Grande giornata per la 4C della scuola primaria “Carducci”. Con il motto “Io sono lui..lui sono io: siamo unici””,  il cartellone della classe è stato premiato al centro commerciale Bennett oggi domenica 6 novembre 2016  come opera meritevole  per l’ originalità e il linea con il progetto promosso dalla Bennet "Che classe la diversità "
La classe 4C, insieme ad altre classi dell’Istituto Comprensivo, alcune delle quali hanno vinto altri  premi,  ha aderito al progetto" L' altro sono io"  proposto da Fun Science , un gruppo che da anni collabora con le scuole ed affronta temi legati alle scienze in maniera originale e divertente.
Quest anno il tema proposto , la diversità ,molto attuale,  è stato una novità e una sfida .Vinta ,perché tutti gli insegnanti e gli alunni partecipanti sono rimasti entusiasti delle attività che i ragazzi hanno svolto nelle scuole.
Bravi i bambini, bravi i ragazzi e un grazie al Bennett che ha offerto un premio in denaro alle classi vincitrici.        Piera Govoni

LEZIONE DI CITTADINANZA

A   SCUOLA   DI   DEMOCRAZIA

Lunedì 24 ottobre, nella Sala del Consiglio di Palazzo del Governatore si è insediato il Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi, formato da 47 studenti delle scuole centesi. Tra questi, per le classi delle “Carducci”, sono state elette Maria Antonietta Petrillo, quinta E, e Lucia Contri, quinta F.

Durante l’ufficialissima cerimonia, ai neoconsiglieri è stata consegnata una copia della Costituzione, quindi il Sindaco Fabrizio Toselli e l’Assessore ai Servizi scolastici ed educativi Cinzia Ferrarini hanno augurato loro di intraprendere questo importante percorso di educazione civica e formazione democratica con serietà e coinvolgimento.

Ora i nostri giovani rappresentanti sono “cacciatori di problemi e ideatori di proposte risolutive”, per cui a gran voce diciamo:

FORZA  RAGAZZI, SIETE  TUTTI  NOI!”

 

(Monica  Ravasini)

LA COLONIA DI CENTO

MOSTRA FOTOGRAFICA

Mercoledì 28 settembre gli alunni delle classi 3^E e 3^F della scuola Primaria “Carducci” si sono recati nei locali dell’ex Ufficio del Registro per visitare la mostra fotografica “ Ricordi d’estate- quando i Centesi andavano in vacanza alla colonia sul Reno”.

La mostra di foto in bianco e nero racconta la vita di quei piccoli ospiti, di un passato lontano, irreale, irraggiungibile agli occhi dei nostri scolari.

I bambini si sono stupiti dell’abbigliamento indossato in quel periodo storico, dell’importanza riconosciuta all’attività sportiva e delle ragioni di ordine sociale, economico e sanitario che hanno favorito l’apertura della colonia.

L’organizzatrice della mostra la signora Mariateresa  Alberti è stata disponibile, attenta ed esauriente, nel rispondere alle domande degli alunni.

 

Paola Alberghini

SPORT E SCUOLA

W  IL  MINIBASKET!

Si sono conclusi con esito più che positivo gli stage di minibasket tenuti alle “Carducci” e promossi dalla Società Benedetto 64. Entusiasti dell’esperienza,  alunne, alunni e docenti ringraziano gli istruttori Marco, Mauro e Michelangelo per l’impegno e la professionalità.

AL  PROSSIMO  ANNO!

 

(Monica Ravasini)

CON FUN SCIENCE ALLE CARDUCCI

La classe 4 C della scuola Carducci partecipa alla mostra del progetto “L ' altro sono io” con questo cartellone dove abbiamo mescolato i visi dei bambini. Il cartellone è stato realizzato a seguito del laboratorio proposto da Fun Science nel mese di ottobre.

PORTE   APERTE   AL   POLO   SCIENTIFICO   TECNOLOGICO LA  SCIENZA  CHE  FA  LA  DIFFERENZA

Accoglienza, competenza e conoscenza:  in poche rime con la parola scienza  riassumiamo la bellissima mattinata trascorsa  ai Dipartimenti di Fisica e Scienze della Terra, Ingegneria, Matematica e Informatica dell’Università degli Studi di Ferrara.

Mercoledì 12 ottobre, infatti, noi alunne ed alunni delle Classi Quinte E/F – Carducci, abbiamo potuto fruire di questa interessante iniziativa promossa dall’Ateneo estense in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e siamo entrati dalle porte principali  per accedere ai vari Laboratori di Ricerca e fare giochi, esperimenti e quiz superscientifici!

Aderendo al Percorso Junior, abbiamo assistito ad una breve lezione di geologia con tanto di eruzione vulcanica simulata con bottiglia di Coca-cola e caramelle, abbiamo visitato il megalaboratorio informatico, la mostra “Il gioco e la scienza”, il Planetario, abbiamo “interagito” con il sistema solare, insomma: come tanti piccoli Einstein, ci siamo lasciati attrarre dal fascino di numeri e formule, di calamite e clessidre per capire un po’ più da vicino quanto sia bello imparare, conoscere, sperimentare.

 

Al termine delle attività, il Comitato organizzatore ci ha rilasciato un piccolo attestato di partecipazione che comprova la nostra adesione al Progetto, e adesso… chiamateci dottori!

MOSTRA A SAN LORENZO

Venerdì siamo andati all' auditorium di San Lorenzo a visitare la mostra delle opere d ' arte de “Il  Guercino”. Ci ha accompagnato la mamma di Simone, una guida turistica. Abbiamo visto alcuni quadri con bambini,  un autoritratto e san Pietro che riceve le chiavi del regno dei cieli. “Il Guercino” è un artista che ha dato lustro alla nostra città. Il suo vero nome era Giovanni Francesco e nacque a Cento, quando la cittadina  apparteneva  al Ducato di Ferrara. E’ nato il giorno 8  8 febbraio 1591. Fu soprannominato Guercino  a seguito di un forte strabismo che può avere influenzato la sua resa pittorica delle forme nello spazio.   Classe IV C

RICORDANDO LE VACANZE...

L’ onda  e  il mare

Durante i primi giorni di scuola, noi alunni della Terza F – “Carducci” abbiamo letto il bellissimo libro “Le avventure di Abuk”,  un ragazzino che vuole conoscere nuovi mari.

Così, parlando appunto  di mare,  inevitabilmente il pensiero è volato alle vacanze appena trascorse e la fantasia si è accesa come una geniale lampadina: perchè non rappresentare in modo artistico la meraviglia del mare?

Utilizzando  vecchie doghe in legno (le aveva conservate la maestra Silvia dopo aver sostituito la rete del suo letto), tutte dipinte a tempera con le nostre mani per ricreare sfumature e colori marini, abbiamo realizzato una base sulla quale sono state fissate variopinte barchette di carta (costruite con l’aiuto della maestra Marina), così leggere che sembrano trasportare sogni!

Infine, i genitori di Filomena, armati di chiodi e martello, hanno pazientemente fissato il tutto alla parete del ballatoio, che adesso è molto più carina.

Pensate che se con una mano si sfiora l’insieme delle piccole assicelle, viene prodotto un suono che ricorda proprio quello delle onde del mare!

E’ stato divertente lavorare insieme per creare il nostro capolavoro collettivo e abbiamo capito che   L’ UNIONE  FA  LA  FORZA  ANCHE  NELL’ARTE !

 

(Monica Ravasini)

IL MIGLIORE AMICO DELL'UOMO

26    SETTEMBRE   2016

PER  IL  SECONDO  ANNO  SI  FESTEGGIA

LA  GIORNATA  MONDIALE  DEL  CANE

Eh sì, e non si poteva di certo ignorare l’evento e dimenticare di dedicare un pensiero affettuoso ai nostri amici CANI, compagni di giochi e fonte infinita di dolci coccole pelose!

In classe ci siamo confrontati e abbiamo provato a trovare almeno tre motivi per cui vale la pena  avere un CANE, anche se siamo consapevoli che sia un impegno accudirlo come si deve ed occuparsi di lui quotidianamente: ma quando lui ci fa compagnia e tiene lontana la tristezza? Quando aiuta i disabili? Quando supporta le forze dell’ordine nei loro interventi, tipo individuare persone rimaste sepolte sotto le macerie, come è successo recentemente ad Amatrice e in altri luoghi duramente colpiti dal terremoto? Quando difende ad ogni costo chi lo ha adottato? Quando perdona chi lo maltratta o lo tradisce?

Insomma, è proprio giusto intitolare una giornata a Fido, se la merita, e  noi gli abbiamo fatto anche qualche ritratto!

 

(Monica Ravasini)

TUTTI CONTRO IL BULLISMO

NOI  RAGAZZE  E  RAGAZZI  DI  QUINTA  E/F

CONTRO    IL     BULLISMO

Ne abbiamo parlato tanto in classe, cercando di approfondire tutti gli aspetti che riguardano questo più che antipatico fenomeno e sforzandoci di capire come riconoscere gli atteggiamenti provocatori e in che modo poterci difendere.

Infine, abbiamo letto i “Consigli per i ragazzi” elaborati dal Ministero dell’Istruzione, li abbiamo commentati insieme e sintetizzati in una specie di “Manifesto”, poi esposto in varie copie nelle nostre aule e nei corridoi della scuola, così che sia utile a tutti.

E’ stato un percorso di legalità che ci ha coinvolti  alla pari, bambini e bambine, e ci siamo resi conto che contro bulli e bulle “fare la fatica di trovare il coraggio per reagire secondo le regole” ci fa sentire GRANDI E SERENI.

 

(Monica Ravasini)