IL GUERCINO

Menù Principale

Organigramma

Dirigenza

DSGA

U.R.P.

Amministrazione trasparente

Documenti

Regolamento d'Istituto, regolamenti vari e disposizioni

Privacy Policy

Iscrizioni

Attività dell'Istituto 2018/19

Plessi

** Comitato Genitori **

Materiali

I blog delle nostre discipline

INFANZIA ALIGHIERI 2018-19

PON "DIRE, FARE, GIOCARE...IMPARARE" - AVVISO 1953 DEL 21 FEBBRAIO 2017

L’Istituto Comprensivo “Il Guercino”, grazie ai finanziamenti ricevuti dal Fondo Sociale Europeo nell’ambito dei vari progetti conosciuti con il termine “PON”, ha proposto nell’anno scolastico in corso una serie di laboratori del fare rivolti alla scuola dell’infanzia. Come nota la dirigente Anna Tassinari, la scuola dell’infanzia statale non ha la possibilità di grandi risorse; gli ambienti di apprendimento sono spesso obsoleti e una docente di trova con un gruppo numeroso di bambini; i laboratori del fare sono stati pensati per dare qualcosa in più a questi bambini, dividendoli per gruppi di età quando in genere lavorano per gruppi misti seguendo l’idea montessoriana dell’aiuto reciproco. I laboratori presentati sono 4, due in orario scolastico, in modo da “allegerire” le normali attività della sezione e due in orario extra scolastico mirati all’acquisizione di specifiche competenze. I bambini di tre anni con il laboratorio “Con l’argilla si fa”, attraverso la manipolazione di materiale duttile come l’argilla, potenziano le capacità creative; i bimbi di quattro anni con i laboratori “Voci in gioco” e “Ritmo musica e movimento per esprimersi” incontrano e conoscono il proprio corpo, attraverso la voce e il movimento imparano a rispettare l’altro, i bimbi di cinque anni hanno seguito il laboratorio di pregrafismo di preparazione all’ingresso della scuola primaria “Emozioni in e tra le righe”.

I piccoli alunni stanno partecipando con entusiasmo alle attività proposte che rendono la scuola dell’infanzia un laboratorio guida di un percorso che accompagna all’autonomia e all’acquisizione delle competenze sociali, musicali, motorie, linguistiche utilizzando il gioco e la relazione di gruppo come metodologia privilegiata di apprendimento e relazione.  La metodologia laboratoriale utilizzata infatti guida all'imparare a star bene insieme agli altri, ad elaborare un'identità culturale e a condividere i valori della comunità di appartenenza oltre ad acquisire una progressiva autonomia.

 

I laboratori sono seguiti dalle docenti dell’istituto (Maria Saletti,Carla Piretti , Erica Gollini, Anna Filomena Andreozzi) e dalle esperte esterne Sara Tinti (canto), Simonetta dall’Olio (espressione corporea) della Cento City Ballet, Roberta Paltrinieri (creta) e Elena Bellodi (pre-grafismo).

TUTTI ALLA FATTORIA!!

L’uscita in fattoria didattica rappresenta uno straordinario laboratorio naturale complementare e integrativo a quello scolastico, un momentoimportante per familiarizzare con la natura, comprendere la provenienza di molti prodotti che abitualmente consumiamo sulle nostre tavole. La sez. C ha scelto la fattoria “IL FIENILE”  di S. Pietro in Casale per condurre  il dolcissimo percorso del miele. Il laboratorio  si è rivelato veramente completo. E’ stato introdotto da un breve filmato scientifico , seguito poi da una piccola drammatizzazione  sulla vita delle api in cui i bambini stessi sono stati i protagonisti  , proprio come succede in una vera colonia di api in cui ognuna ha un compito ben definito: l’ape Regina, i combattenti, gli operai ,i raccoglitori di miele . Silvia,  l’apicoltore , ha saputo incantare i bambini quando ha aperto l’arnia aiutandosi con un curioso strumento, l’affumicatore , ed estratto i telai in cui erano attacate le api operaie e la regina. Incuriositi  i bambini hanno assaggiato il miele e la focaccina prodotte nel pieno rispetto dell’equilibrio naturale. La visita agli animali , dal più piccolo , un anatroccolo appena nato, al più grande , il cavallo, hanno fatto da cornice ad un suggestivo mondo contadino. 

PICCOLI SCIENZIATI

EDUCAZIONE SCIENTIFICA -IL GIARDINO DEGLI ODORI  

 

Il giardino della scuola  è vissuto dai bambini come spazio educativo,  soprattutto  nel momento in cui diventa aula scientifica, offrendo l’imput per osservare  e sperimentare concretamente la vita delle piante e dei semi. Collegandoci al riciclo della plastica per un concreto rispetto dell’ambiente, abbiamo  trasformato le bottiglie di plastica in particolari vasi da pianta, riempite di terra , seminato alcune varietà di legumi, trapiantato le erbe aromatiche . Posizionate al sole e alla luce  quotidianamente i bambini si occupano di innaffiarle , osservandone i cambiamenti e le trasformazioni. Con la lente d’ingrandimento ,si divertono ad osservare e ricercare qualche abitante delle piante come la coccinella che se ne sta teneramente nel piccolo orto pensile .

LABORATORIO D'ISTITUTO - IL GELATO

Ringraziamo la gelateria "Leone e Katia" che ha proposto a tutto l'istituto il laboratorio sul gelato nato per valorizzare questo prodotto artigianale tipicamente italiano. Ecco, in rappresentanza dell'istituto, come hanno vissuto questa esperienza i bimbi della scuola primaria "Carducci" e i bimbi della scuola dell'infanzia "Alighieri".

 

Gustosa mattinata quella che hanno trascorso i bambini della scuola dell’infanzia Dante Alighieri impegnati a sperimentare da vicino le tecnica di creazione di un buon gelato artigianale. Sguardi attenti, i bambini hanno ascoltato gli esperti “Leone e Catia” che illustrando le caratteristiche degli ingredienti naturali e genuini hanno composto davanti agli occhi increduli dei bambini un gustoso gelato. Curiosi  di conoscere  sia le materie prime che il procedimento di lavorazione  , il laboratorio  è stato appassionante per tutti , coronato dall’immancabile assaggio del gelato che ha lasciato soddisfatti grandi e piccini.  Ringraziomo il sig Leone della sua disponibilità  e del gentile omaggio offerto a ciascun bambino

TUTTI PAZZI PER IL GELATO...ALLA FRAGOLA

 

INGREDIENTI:           

 

fragole rosse rosse 

acqua

zucchero q.b.(quanto basta)

 

OCCORRENTE:

 

2  esperti gelatai 

1 mantecatore

 

tanti assaggiatori volontari 

 

PROCEDIMENTO

 

. Il signor Leone versa lo zucchero, l'acqua e le fragole mature in un alto recipiente.

. I bambini osservano con stupore, pregustando la squisitezza.

. Il signor Leone frulla il tutto e versa nel mantecatore.

. I bambini, con l'acquolina in bocca, attendono pazientemente 30minuti

. I bambini si predispongono all'assaggio...1...2...3...VIA!!!

. La signora Katia serve il sorbetto nelle coppette.

. I bambini assalgono la signora e senza nessuna moderazione si gustano il delizioso e freschissimo gelato.

Tutto ciò non è un sogno, ma il frutto di un progetto di educazione alimentare ideato e proposto dalla Pasticceria - gelateria Leone e Katia, via Matteotti 10/C Cento.

 

 

Classi IlI E  e III F scuola primaria Carducci

 

COMPETENZE DI BASE - INFANZIA

Si è concluso il modulo “ Emozioni in gioco e tra le righe…”, laboratorio di PRE SCRITTURA  del progetto PON  finanziato dal Fondo Sociale Europeo  avviso 1953 del 21 febbraio 2017 FSE – Competenze di base. Il modulo  ha avuto come obiettivo lo sviluppo dell’emotività dei bambini attraverso l’approccio verbale, non-verbale e scritto. Prendendo come filo conduttore la lettura di una storia consona alle esigenze dei bambini siamo andati ad esplorare, conoscere, riconoscere e imparare a gestire le principali emozioni dei bambini come paura, rabbia, felicità, tristezza ecc. I contenuti delle storie narrate anche attraverso l’utilizzo della lavagna multimediale (LIM)   hanno permesso di svolgere un percorso di alfabetizzazione/educazione emozionale, verbale e scritta  con una  modalità che fa della  multimedialità e della dimensione ludica  i propri punti di forza. Le principali finalità sono state quelle di permettere al bambino di utilizzare la lingua italiana, di arricchire il proprio lessico, di comprendere parole e discorsi, di formulare ipotesi sulla lingua scritta e sperimentare le prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, anche utilizzando le tecnologie.  Inoltre il bambino è stato avviato alla padronanza di strumenti espressivi e lessicali indispensabili per gestire l’interazione comunicativa verbale, non verbale e scritta in vari campi d’esperienza, ad avvicinarsi alla lingua scritta per potenziare e dilatare i propri orizzonti della comunicazione, a rielaborare contenuti in chiave emozionale, verbale e scritta.

Nel nostro PON…

Abbiamo conosciuto sei folletti che abitano nel nostro cuore…
Sputacchione, Lacrimoso, Stuporello, Scatto, Gaietto e Tremolino!

Abbiamo ascoltato la loro storia e…scoperto la nostra mano…

…la nostra presa della matita…

…e ancora…Amica Freccia e Amico Punto!

Poi sono arrivati i Tracciati…per lo stampato maiuscolo e per il corsivo…

Le sei famiglie delle lettere…

…ma anche i Numeri e le Figure Geometriche

E alla fine è arrivata la Fata Serenella che…

…con un colpo di bacchetta magica…

ha concluso questo nostro viaggio chiamato PON!

 

                                                                                                                                            Elena Bellodi

PICCOLI CUOCHI

I PICCOLI PASTICCERI DI MASTERCHEF.

 

Mattinata golosa oggi per gli alunni delle sezioni C e D dell’infanzia  Alighieri . I bambini  si sono recati presso il centro Cottura Gemos  dove si sono improvvisati Pasticceri con tanto di grembiule  da cuoco e cappello da chef . Il laboratorio di cucina ha permesso ai bambini di essere protagonisti attivi di un’esperienza che  giocando con farina, uova, burro, e zucchero hanno impastato e creato   cuori, orsetti, stelline, coniglietti, manine di pastafrolla. Cio’ ha fatto riflettere i bambini  su alcune proprietà dei cibi , sulla loro manipolazione, sulla  trasformazione, preparazione cottura e consumo, entusiasmandoli e  facendo scorgere il rapporto tra il cibo , la nostra salute e la nostra cultura. La degustazione dei biscotti li ha ripagati dell’attesa della cottura. Ringraziamo le cuoche  Silvia e Cristina che pazientemente hanno spiegato egregiamente come nasce un biscotto.

TRAFFICO ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA

E’ arrivato a scuola uno strano personaggio carico di colore Giallo il suo nome è proprio Cappuccetto Giallo che si aggira per le vie della città dimenandosi nel  traffico per raggiungere la sua amata nonnina. Il racconto di Cappuccetto Giallo  di B. Munari si presta all’introduzione del percorso di educazione stradale che con le sue regole e la segnaletica  invita i bambini ad un uso corretto della strada, auspicando comportamenti civili e rispettosi nei confronti della società. Percorsi di  ponti, gallerie  e ostacoli svolti in palestra permettono di  coadiuvare mente corpo e movimento . Mentre una  rappresentazione del  percorso stradale con la segnaletica ha divertito i bambini nell’assunzione di diversi ruoli: vigile ,   mamma, papà , nonno, alla guida dell’automobile .

PREPARATIVI PER IL NATALE

Nel mese di dicembre nella nostra scuola hanno  inizio i preparativi per festeggiare  il Natale, allestendo l’albero con la

 

PALLINA DEL CUORE , quella che ogni bambino ha costruito a casa con i propri genitori , educando al concetto di solidarietà e rafforzando lo spirito di amicizia e condivisione dei bambini, nell’ottica di promuovere un comportamento di rispetto dell’altro, apprezzando il senso di appartenenza alla stessa comunità. Le letture sotto l’albero conferiscono un’atmosfera gioiosa alle attività natalizie.

ACCOGLIENZA ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Il momento dell’accoglienza inizia  per alcuni bambini  con l’esperienza della VENDEMMIA effettuata nel giardino della scuola e diventa  l’occasione per vivere un’esperienza ludica e di apprendimento attraverso la stimolazione sensoriale, in un clima di partecipazione e collaborazione per favorire autonomia nel fare.  Altri invece preferiscono provare danze , costruire torri e piste di macchine, secondo la propria capacità di proiezione immaginativa prendendo coscienza di uno spazio che può essere vissuto  attraverso la propria esperienza e le proprie emozioni.