IL GUERCINO

Menù Principale

Organigramma

Dirigenza

DSGA

U.R.P.

Amministrazione trasparente

Documenti

Regolamento d'Istituto, regolamenti vari e disposizioni

Privacy Policy

Iscrizioni

Attività dell'Istituto 2019/20

Plessi

** Comitato Genitori **

Materiali

I blog delle nostre discipline

PRIMARIA "CARDUCCI" A.S. 2019-20

LA GIORNATA DELLA MEMORIA CON BARTALI

L’Istituto Comprensivo “il Guercino” in collaborazione con il Comune di Cento, ha organizzato anche quest’anno una giornata di commemorazione presso la sala Zarri del Comune in occasione del 75° anno di istituzione della Giornata della Memoria proclamata a livello internazionale il 27 gennaio del 2005.               La mattinata è iniziata con il saluto della Dirigente Tassinari, portato dall’insegnante Teresa Gallerani che ha moderato, insieme alla collega Silvia Roversi, l’incontro. I ragazzi delle quattro classi quinte primarie dell’Istituto hanno condiviso il ricordo del campione di ciclismo Gino Bartali proclamato nel 2013 Giusto tra le Nazioni dallo Yad Vashem per il suo impegno a favore degli Ebrei durante la seconda guerra mondiale.                                 “ Il bene si fa , ma non si dice. E certe medaglie si appendono all’anima , non alla giacca”. E’ il messaggio di vita di Gino Bartali che per lungo tempo nascose alla sua famiglia e al mondo intero il suo impegno che portò alla salvezza di tanti ebrei nascondendo nel telaio della sua bicicletta i documenti falsi che li avrebbero aiutati ad avere una nuova identità. Attraverso la lettura del libro di Simone Dini Gandini “ La bicicletta di Bartali" condotta con passione dal lettore Dott. Fabio Palma, gli alunni hanno seguito il racconto romanzato delle attività di Bartali durante i suoi allenamenti a rischio della propria vita.  Ospite della mattinata Laura Guerra che ha saputo ricucire, con grande maestria, il racconto alla verità documentata. Laura ha ricostruito la storia del campione dopo avere conosciuto il figlio primogenito Andrea, ha portato i ragazzi a conoscere non solo il Gino Bartali delle vittorie al Giro d’Italia , ma il Gino Bartali che, rischiando la vita,  ha saputo scegliere da che parte stare.

LE PAROLE DELL’AMICIZIA

Mercoledì 29 gennaio 2020, presso la palestra della Scuola Primaria “G.Carducci” di Cento si è tenuto lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale, al quale hanno preso parte la 4aE e la 4aF della scuola, incentrato sul tema dell’amicizia. Nel corso della rappresentazione finale dal titolo “LE PAROLE DELL’AMICIZIA” le due classi quarte hanno portato in scena due storie che avevano inventato durante gli incontri settimanali con Alessia, l’esperta di teatro dal titolo, “IL PAESE DI NEMICONIA” scritto dalla classe 4aE e “LA MACCHINA ANTI-LITIGI” scritto dalla classe 4aF, che trattavano il tema della non amicizia e della poca considerazione dell’altro. Il paese di Nemiconia raccontava di un paese deve gli abitanti si insultano e non si guardano nemmeno in viso. Un paese dove ognuno pensa per se stesso. Nella storia della Macchina anti-litigi c’era, invece, un protagonista, estroso e confusionario, che gli abitanti del Paese evitano prontamente, proprio a causa della sua personalità. Affrontando le due storie, i bambini hanno compreso l’importante messaggio che questo laboratorio conteneva, ovvero il rispetto reciproco e la valenza di condividere insieme le emozioni vivendo in un clima positivo, accettando gli altri e se stessi per come si è e, non ultimo, nutrendo un maggiore senso di tolleranza e rispetto verso gli altri, per accettare le diversità non più viste così come differenza ma punto di forza di ciascuna persona.

Il laboratorio teatrale è stato seguito da un’ esperta teatrale e sono stati raggiunti gli obiettivi di inclusione e prevenzione al bullismo

Classi 4E/4F, Cecilia, Michela, Consuelo,Annarita e Antonella

LABORATORIO TEATRALE SULL'AMICIZIA

RISCOPRIAMO L’AMICIZIA

L e classi quarte della scuola primaria “Carducci” hanno partecipato ad un laboratorio teatrale con l’obbiettivo di  stimolare la crescita positiva e sociale della persona e fornire le prime basi tecniche del linguaggio teatrale nell’ottica della riappropriazione ed espansione delle capacità innate di espressione.

Ogni incontro è stata condotto dall’operatrice teatrale (Alessia Passarelli) e si è articolato in una serie di giochi/esercizi ed in improvvisazioni/drammatizzazioni. I vari incontri si sono divisi in due fasi ben scandite: una prima parte che è servita come riscaldamento e una seconda in cui è stato sviluppato il percorso.

I bambini, seguiti molto attentamente dall’esperta, hanno potuto sperimentare dei giochi che hanno permesso  loro di percepire il lproprio corpo, imparare a stare in equilibrio e camminare nello spazio. Tutti questi esercizi sono stati accompagnati da musiche con ritmi sempre diversi per poter lavorare appunto sui diversi ritmi e sulla psicomotricità.

Nei diversi incontri è stato testato il teatro come luogo di socializzazione e accrescimento dei concetti di gruppo e collaborazione. I bambini hanno potuto mettersi in gioco, osare e divertirsi sperimentando e improvvisando tutta la loro creatività.

Alla fine delle attività giornaliere previste dal laboratorio, il gruppo classe si disponeva in cerchio e grazie al confronto e alla riflessione sugli esercizi fatti, i partecipanti hanno potuto esercitarsi sull’ascolto attivo nei riguardi degli altri e sull’ascoltarsi per poter comprendere le emozioni provate e attribuire ad esse un nome e un gesto.

La parte finale di questo percorso si concluderà a fine gennaio, i bambini dovranno mettere in scena la raccolta di tutte le esperienze fatte durante il laboratorio e mostrarle ad un vero e proprio pubblico, infatti per la giornata del 29 gennaio 2020 saranno invitati i genitori degli alunni, che prenderanno visione del piccolo spettacolo progettato dai bambini con l’aiuto dell’esperta.

 

Vi aspettiamo alla performance finale!!       Martina Mellloni

ATTIVITA' DI CODING ALLA PRIMARIA

 

Lunedì 13 Gennaio presso il nostro Istituto si è tenuta la presentazione del progetto “Eureka!Funziona!”, patrocinato da Confindustria Emilia Romagna, a cui hanno aderito le classi 5°B del Guercino e 5°F delle Carducci. I bambini dovranno presentare dei progetti sulle energie rinnovabili attraverso una gara di costruzioni tecnologiche per piccoli inventori. Lo scopo della gara è di far costruire un giocattolo mobile con il materiale che si trova  all’interno di kit consegnati ai ragazzi divisi in gruppi; ciascun gruppo di bambini terrà un diario di Bordo sul lavoro svolto e realizzerà una pubblicità del giocattolo utilizzando materiale scelto da loro.

I kit sono composti da pezzi necessari  per poter progettare e costruire un giocattolo che per muoversi utilizzano un pannellino solare, dischetti, motorino, ecc.

La scuola ha aderito a questo progetto perché offre l’opportunità di utilizzare “l’invenzione” come uno strumento per imparare, ponendo a disposizione degli alunni uno spazio reale in cui mettere alla prova la loro creatività e capacità di innovazione. Tutto il processo di realizzazione del giocattolo, del diario e della pubblicità, infatti, richiede di applicare le conoscenze di matematica, italiano, arte e immagine e di attivare abilità manuali.

Gli insegnanti supporteranno il lavoro dei bambini assicurandosi che strumenti adeguati siano a loro disposizione; il loro ruolo è volto a incoraggiare i bambini e a rassicurarli sulla bontà della loro idea progettuale; in quanto il processo di invenzione è efficace quando il gruppo progetta e crea in autonomia.

Le attività di coding sono strumenti utilizzati nell’istituto come ampliamento delle metodologie didattiche. Il coding allena le menti ad usare la logica nella vita di tutti i giorni ed è il primo passo verso la programmazione.

 Annalisa Costa

 

 

IL NOSTRO OPEN DAY

ISCRIZIONI ALLA SCUOLA PRIMARIA
C'è tempo fino al 31 gennaio 2020 per iscriversi alla prima classe della scuola primaria. Ieri abbiamo presentato la nostra idea di scuola ai genitori presenti all'incontro informativo; oggi abbiamo aperto le porte del plesso "Carducci" funzionante a 27 ore settimanali più due ore di mensa; servizo di pre, post e interscuola, possibilità di frequentare il dopo scuola nei giorni senza rientro. Stamattina i bambini sono stati accompagnati dai futuri compagni tutor più grandi e hanno partecipato ad attività laboratoriali in giardino con obiettivi di educazione ambientale e all'interno dell'edificio hanno partecipato ad attività di coding, di lingua inglese, di teatro, di inclusione , di giochi matematici, di creazione di braccialetti e di attività sportiva in palestra.
Grazie a chi ha partecipato, ai bambini, ai genitori, ai docenti e alla nostra "bidella" Paola. E alla dirigente!

Vi aspettiamo lunedi all'incontro con la nostra docente Giuseppina Cavallo, psico terapeuta nel tempo libero  e sabato 18 gennaio 2020 alle ore 9.30 - 12.30 all'open day della scuola primaria "Il Guercino", funzionante a tempo pieno, in via Alighieri 2. Non mancate!

ANCHE I PICCOLI DELLE "CARDUCCI" HANNO FATTO IL LORO PRESEPE

Anche quest'anno, gli alunni delle classi terze e quarte della Scuola Primaria Carducci si sono impegnati per realizzare un bellissimo presepe fatto non solo di statuine ma arricchito con semplici ma significativi acrostici.

THAI CHI

il maestro Andrea Ferioli ha guidato 6 classi della scuola Carducci alla scoperta del Tai Chi stile FU.

I bambini, curiosi, hanno partecipato con interesse e impegno. Questo è uno dei tanti momenti in cui i bambini vengono esposti ad una specialità sportiva grazie all'aiuto delle società sportive che operano nel territorio

"CIAK SI IMPARA"! - ALLE CLASSI QUARTE DELLA SCUOLA PRIMARIA IL SECONDO PREMIO

 “Ciak si impara!” organizzato da Kimbe, in partnership con Rai Ragazzi, promosso e offerto dal Centro Commerciale “Guercino”, ha avuto come obiettivo finale quello di approfondire la storia e la tecnica dei nuovi media, partendo dal pre-cinema per arrivare alla televisione. I bambini hanno sviluppato, grazie all’aiuto degli esperti, delle sequenze operative che hanno consentito loro di capire cosa accade quando si vedono i cartoni, sperimentando i meccanismi dell’illusione e del movimento.

Il progetto si è sviluppato in quattro incontri della durata di 50 minuti l’uno, svolti con cadenza settimanale, dall’8 ottobre al 5 novembre 2019.

A questi incontri hanno partecipato le classi 4°E e 4°F della scuola primaria “Carducci”.

Questi appuntamenti settimanali sono stati strutturati secondo una modalità ludico-didattica, che prevedeva la trasmissione attraverso esperimenti, giochi di informazioni e curiosità sugli argomenti affrontati. I bambini hanno appreso con il learning-by-doing, che ha permesso loro di sviluppare creatività, manualità e curiosità.

I bambini hanno realizzato tre diversi prototipi: un TAUMATROPIO, dischetto a cui sono legati due fili. Tirando i fili, il dischetto ruota velocemente e grazie ad un effetto ottico i disegni raffigurati sulle due facce del dischetto appaiono contemporaneamente. Un FENACHISTOSCOPIO, congegno composto da due dischi, uno con delle figure e l’altro con delle fessure. Tramite un loro simultaneo movimento riescono a dare l’illusione di un’immagine in movimento. Ed infine uno ZOOTROPIO, oggetto costituito da un cilindro rotante con raffigurazioni al suo interno provviste di fessure verticali; osservando il cilindro durante la sua rotazione si crea un effetto ottico per cui le figure al suo interno sembrano animarsi.

Entrambe le classi hanno partecipato con grandissima curiosità, vivo entusiasmo ed enorme impegno a tutte le attività proposte, dimostrando di possedere grande fantasia e curiosità.

Domenica 24 novembre 2019, dalle ore 16.00, nella galleria del Centro Commerciale “Guercino”, è stata premiata la classe 4°F aggiudicandosi, grazie ai suoi elaborati, il secondo posto.

 

La premiazione si è conclusa con una piccola festa ed è stata offerta la merenda a tutti i partecipanti.

Emozione barocca per i piccoli alunni delle classi seconde primaria “Carducci”-  " Il Guercino a Cento "

Anche gli alunni delle classi seconde del plesso “Carducci” hanno  visitato la mostra del Guercino presso la pinacoteca San Lorenzo.

Emozionati hanno ammirato le maestose opere del nostro concittadino, sotto la guida esperta della signora Marianna .
Si sono poi trasferiti alla Rocca dove hanno partecipato ad un laboratorio in cui hanno  potuto imparare come lavorava Gian Francesco Barbieri, sperimentando l ' imprimitura, cioè la preparazione della tela, il disegno col carboncino e la pittura con i pigmenti.

In questo modo anche i bambini hanno potuto realizzare piccoli quadri facendo rivivere l’atmosfera della bottega del Guercino.